in foto: Martin Luther King viene assassinato il 4 aprile del 1968.

L’anno appena iniziato sarà ricco di date da ricordare. Numerosi gli anniversari legati al mondo dell’arte o alla musica, occasioni immancabili per ripercorrere i passi di alcuni fra gli uomini più importanti di tutti i tempi. Ma sarà anche un anno dedicato alla Storia, con numerosi appuntamenti legati ai grandi traguardi dell’umanità e alle figure che hanno lottato per far sì che questi stessi traguardi divenissero realtà. Ecco alcune delle ricorrenze più importanti in questo 2018.

Un anno di Storia, dalla Costituzione a Nelson Mandela

Nelson Mandela (1918–2013)in foto: Nelson Mandela (1918–2013)

Il 2018 è per l’Italia una data significativa: ricorrono infatti i 70 anni dall'entrata in vigore della nostra Costituzione. Il 27 gennaio 1947 l’allora Presidente della Repubblica Enrico De Nicola firmava il testo, approvato con 458 voti favorevoli su un totale di 515 votanti, che il 1 gennaio 1948 sarebbe ufficialmente entrato in vigore. Coetanea della Costituzione italiana è poi la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: anche questo documento quest’anno raggiungerà la soglia dei settant'anni.

Ne sono trascorsi cento di anni, invece, dalla nascita di Nelson Mandela: l’uomo che ha combattuto contro l’Apartheid in Sudafrica nasceva il 18 luglio 1918. E, nell’anno in cui si ricorderà uno degli uomini più influenti del Novecento, si celebrerà anche la scomparsa di un altro eroe della lotta per i diritti: il 4 aprile saranno trascorsi 50 anni dall’assassinio di Martin Luther King.

Doppio anniversario invece per Peppino Impastato, morto 40 anni fa, il 9 maggio 1978. L’uomo simbolo della lotta alla mafia il 5 gennaio avrebbe compiuto 70 anni. Così come sono settanta gli anni trascorsi dalla morte di Gandhi, assassinato il 30 gennaio del 1948 a Nuova Delhi: per l’omicidio verrà condannato a morte Nathuram Godse, giustiziato l’anno seguente, nonostante l’opposizione dei numerosissimi seguaci del Mahatma.

I grandi anniversari della letteratura

Salvatore Quasimodo (1901–1968)in foto: Salvatore Quasimodo (1901–1968)

La letteratura, così come la storia, sarà ricca di ricorrenze e di appuntamenti importanti con alcuni grandissimi scrittori. Primo fra tutti, Mario Rigoni Stern: l’autore de “Il sergente nella neve” moriva 10 anni fa. E a proposito di anniversari tondi, quest’anno non potranno passare inosservate due grandi ricorrenze: il 1 marzo saranno infatti trascorsi 80 anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio, mentre il 14 giugno si ricorderà quella di Salvatore Quasimodo.

L’8 febbraio si ricorderà invece la nascita di Giuseppe Ungaretti, avvenuta 130 anni fa, mentre il 10 dello stesso mese quella del grande drammaturgo Bertolt Brecht. Anche Ugo Foscolo, Cesare Pavese e Alberto Moravia saranno i protagonisti di quest’anno letterario che sta per cominciare, arricchito dalle celebrazioni in occasione dei 200 anni dall’uscita di uno dei romanzi più significativi della storia: il Frankenstein di Mary Shelley compirà infatti due secoli.

Dalla fisica allo spazio

Anniversario rilevante sarà anche quello dedicato al fisico Leon Foucault, inventore del celebre Pendolo, morto l’11 febbraio di 150 anni fa. Anniversario tondo anche per uno dei filosofi più influenti del passato: il 5 maggio si celebrerà infatti il 200° anno dalla nascita di Karl Marx, mentre il 27 marzo si ricorderanno le imprese del primo uomo della storia ad orbitare intorno alla Terra, Jurij Gagarin, morto 50 anni fa.

Pittura, cinema e musica

Gustav Klimt (1862–1918)in foto: Gustav Klimt (1862–1918)

Grandi appuntamenti anche nel mondo dell’arte, della musica e del cinema con numerosi anniversari che daranno l’opportunità di riscoprire alcuni degli artisti più significativi del passato: il 6 febbraio saranno trascorsi cento anni dalla morte di Gustav Klimt, maestro della secessione viennese, mentre il 25 marzo toccherà al compositore Claude Debussy. Un anno, il 2018, che sarà in parte occupato dalle celebrazioni per il 150° anniversario dalla morte di Gioacchino Rossini, scomparso il 13 novembre 1868.

E se il 6 gennaio ricorreranno i 25 anni dalla morte di Rudolf Nureyev, il 21 gennaio invece sarà interamente dedicato alla figura di uno dei maestri più importanti della cinematografia mondiale: si celebrerà il 70° anniversario dalla morte di Georges Meliès, pioniere del cinema fantastico e “padre” degli effetti speciali. E a proposito di cinema, come non ricordare la morte, avvenuta il 31 ottobre di 25 anni fa, di uno dei registi più significativi del panorama italiano, Federico Fellini.