La scuola di Atene di Raffaello Sanzio
in foto: La scuola di Atene di Raffaello Sanzio

Non ci resta che prenderla con filosofia. Motivo per cui domani 21 marzo, dalle 10 e fino a mezzanotte, si terrà una staffetta in streaming che vedrà alternarsi alcuni dei nomi più importanti del panorama filosofico e culturale italiano. Per reagire con filosofia all'emergenza sanitaria da coronavirus. "Quarantena? Prendiamola con filosofia" sarà trasmessa in diretta streaming su www.PrendiamolaConFilosofia.it.. Tantissmi gli eventi di prestigio, dalla lectio di Umberto Galimberti a Marco Montemagno, da Paola Maugeri a Laura Campanello, sono tantissimi gli ospiti che interverranno nel corso della giornata.

Nessuno di noi ha mai vissuto un tempo come quello che il COVID-19 ci sta facendo conoscere, allo stesso tempo abbiamo riscoperto un sentimento di comunità che si era sbiadito. Prendiamola con filosofia non è solo un modo di dire, vogliamo riempire quel metro di distanza con tutte le parole e le idee di persone che hanno fatto dell’etica, del corpo, dell’amore e della comunità, la prassi e il centro della loro speculazione filosofica. Vogliamo pensare quello che stiamo vivendo in modo critico e costruttivo per ripensare noi stessi e la nostra società.

Gli interventi saranno intervallati da quattro concerti “filosofici” che vedranno protagonisti i cantanti Giovanni Truppi, La Rappresentante di Lista, AbaChiara e Vasco Brondi. A chiusura della giornata Francesca Cavallo ci darà la buonanotte con storie filosofiche. Si parlerà di solidarietà, educazione civica, sentimentale e digitale in un momento particolare come quello che il Coronavirus ci sta facendo affrontare. L'iniziativa è realizzata da Tlon e Piano B grazie al contributo di Audible e FM – Engaging Places, condotto da Maura Gancitano e Andrea Colamedici.

Filosofare per eliminare la rabbia e non abbandonarsi alla sfiducia. L’obiettivo è quello di creare una comunità inclusiva – virtuale e insieme reale – capace di arginare il più possibile la paura e il dolore per trasformarli in entusiasmo e intelligenza condivisi. L’incontro tra gli ospiti e il pubblico saranno, grazie alla dimensione digitale, ancora più stretti: chiunque vorrà potrà condividere i contenuti e aprire un proprio tavolo di discussione.