Covid 19
9 Marzo 2020
13:11

Appello del mondo del teatro a Franceschini: “Per non diventare zombie dopo il Coronavirus”

I critici ed esperti di teatro Massimo Marino, Andrea Porcheddu e Attilio Scarpellini hanno lanciato un appello per salvare il mondo del teatro, già sottoscritto da diversi intellettuali e protagonisti del mondo del teatro, da inviare al ministro Dario Franceschini al fine di salvare, con risorse straordinarie, il comparto teatrale in ginocchio da quando l’emergenza Coronavirus ha bloccato gli spettacoli in tutta Italia.
A cura di Redazione Cultura
Teatro "Giovani Verga" di Catania
Teatro "Giovani Verga" di Catania
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tra i settori maggiormente colpiti dall'emergenza Coronavirus, c'è sicuramente tutto il comparto dello spettacolo dal vivo, in particolare il mondo teatrale. Da quando l'epidemia ha cominciato a diffondersi, con i teatri chiusi, sono migliaia gli spettacoli saltati, annullati o (si spera) solo rinviati. Di certo è facile prevedere che quando il virus sarà passato, resteranno sul campo anche tantissime realtà – soprattutto le più piccole – che ne usciranno con le ossa rotte. Parliamo di posti di  lavoro, di cultura, di socialità, di visioni del mondo che si perderanno. Per questa ragione il mondo del teatro ha deciso di mobilitarsi e lanciare un appello al MiBact e, in particolare, al titolare del dicastero Dario Franceschini. L'appello, scritto dai critici e giornalisti teatrali Andrea Porcheddu, Massimo Marino e Attilio Scarpellini, è stato già firmato da diversi tra intellettuali, esperti di teatro. L'appello "Per non diventare una terra di zombie" è ora è a disposizione di quanti lo vogliano sottoscrivere su Facebook.

Per non diventare una terra di zombie
Appello

Siamo alla sospensione totale delle attività di cinema, teatri, concerti in tutta Italia, almeno fino al 3 aprile. Decine sono ormai gli spettacoli annullati, e cresceranno nell’ordine delle centinaia nelle prossime settimane. I teatri, grandi e piccoli, fanno il conto dei danni, spesso quantificabili nell’ordine delle migliaia o centinaia di migliaia di euro. Artisti, tecnici, organizzatori, amministrativi sono bloccati, a casa o su posti di lavoro dove non si può lavorare.

Vogliamo dunque esprimere subito una chiara solidarietà al settore, a tutti coloro che operano nello spettacolo dal vivo, agli operatori chiamati a un difficile compito di risistemazione delle stagioni, agli attori e alle attrici che sono stati bloccati nelle loro attività o costretti a scegliere tra gli impegni presi e la paura del contagio, prospettiva che rischia di creare contrapposizioni e spaccature anche drammatiche all’interno delle Compagnie.

Non discutiamo che i provvedimenti siano stati presi dalle autorità politiche, in accordo con quelle scientifiche, con motivate ragioni. La conseguenza, però, è la desertificazione delle città, l’annullamento delle occasioni di sociabilità e di cultura, il chiudere nell’isolamento le persone, accentuando la paura e la paranoia sociale, fino a propagare, oltre a quella del Covid-19, una vera e propria “infezione psichica”.
Se credessimo nell’esistenza di una «Spectre», di un complotto, potremmo vedere realizzato un progetto che abbiamo visto montare per anni: chiudere gli individui nel particulare, smantellare la società, il senso critico, la cultura dell’analisi, del distinguo, della creatività, della relazione, a favore di un’omologazione in nome della paura.

Che cosa si può fare?

Nell’attuale stato di cose, preso atto dell’emergenza e delle decisioni governative, si tratta, però, di pensare al futuro. A quando questa emergenza passerà.

Chiediamo innanzitutto urgenti misure economiche di sostegno ai settori, agli enti e agli individui che operano nella cultura teatrale, in particolare nei comparti più “deboli”, quelli della prosa, della danza, del teatro di figura, del teatro ragazzi e giovani (particolarmente colpito).
Chiediamo un rinforzamento strutturale del Fus, Fondo Unico dello Spettacolo, al fine di garantire non solo l’ammortamento dell’emergenza ma la serenità di poter immaginare le prossime stagioni e le prossime produzioni per il triennio. Inoltre chiediamo un adeguato, concreto, intervento economico, che sia extra-Fus, immediato e straordinario, al fine di sostenere quanti, enti o singoli artisti e lavoratori, operano nel settore spettacolo dal vivo in tutto il territorio nazionale e non solo nelle aree cosiddette di “zona rossa”, fortemente danneggiati dalla chiusura delle sale e dalla interruzione delle attività. Il Fus, infatti, già estremamente contenuto, non può essere il bacino economico da cui attingere economie per contenere l’emergenza attuale.
In tale ottica non possiamo dimenticare la quantità di scene ibride, ovvero tutte quelle iniziative marginali, a metà fra spettacolo, laboratori, pedagogie, letteratura, saggistica, editoria, ivi compresa quella enorme massa di lavoro intellettuale e creativo svolto in pubblico, da autori e autrici, che sono fra i meno tutelati, ma garantiscono con la loro attività una parte cospicua e nevralgica della vita culturale collettiva, e che da questo stop forzato subiranno anch’essi gravi danni.

Un paese senza teatri, senza cinema, senza incontri, senza dibattiti, senza istruzione, o con tutte le attività culturali bloccate o penalizzate, è un luogo che si avvia a una infezione più pericolosa di quella del Covid-19: quella delle menti e delle anime.

Massimo Marino, Andrea Porcheddu, Attilio Scarpellini

28147 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni