Stava bevendo del succo di frutta e senza volerlo ha rovesciato il contenuto del bicchiere che teneva in mano sulla consolle per i videogiochi del patrigno. Tanto è bastato per far scattate la furia omicida dell'uomo che ha iniziato a picchiarla  a calci e pugni fino a ucciderla. Così è morta a soli 4 anni la piccola Skylar Mendez, una bimba statunitense residente a Waukegan, nello stato dell'Illinois. Per l'efferato omicidio è stato arrestato ed ora è sotto processo il 19enne Jonathan Fair, giovane compagno della madre della bimba. A lui la donna aveva affidato la piccola in sua assenza mai pensando che sarebbe potuto arrivare a tanto.

Il ragazzo infatti avrebbe dovuto badare alla bimba ma, dopo averle dato del succo, si era messo a  giocare con la xbox quando è avvenuto il fatto alla fine dello scorso mese di dicembre. Quando la piccola ha rovesciato il succo, il 19enne l'ha picchiata selvaggiamente prendendola a schiaffi e calci. Solo quando la bimba è svenuta  ha deciso di portarla in ospedale ma ormai per lei era troppo tardi: aveva subito una grave lesione cerebrale. Secondo le autorità in realtà sulla piccola erano evidenti anche segni di abusi fisici precedenti come se fosse stata continuamente picchiata. Per usto ora l'uomo rischia una pesantissima pena che potrebbe voler dire affrontare l'intera vita in prigione.