684 CONDIVISIONI
5 Gennaio 2023
16:05

Via libera alla farina di grillo per pane e pasta, ma gli italiani dicono no: “Mai sulle nostre tavole”

Dopo le locuste e le larve anche i grilli entrano a far parte dell’alimentazione europea. L’Ue ha infatti autorizzato la farina di grillo come alimento, ma non tutti sembrano accogliere la notizia con favore.
A cura di Chiara Ammendola
684 CONDIVISIONI
Grilli, locuste e larve essiccati
Grilli, locuste e larve essiccati

Si chiama Acheta domesticus, ed è il nome scientifico del grillo domestico che a partire dal prossimo 24 gennaio arriverà sulle tavole degli europei. L'Ue ha infatti autorizzato l'immissione sul mercato della polvere di grillo sgrassata come nuovo alimento. Di fatto si tratta di una farina ottenuta dal grillo essiccato che potrà essere utilizzata in numerosi alimenti, dal pane alle salse passando per i prodotto sostitutivi della carne.

Una decisione che arriva dopo l'ok già dato in passato ad altri alimenti considerati inusuali per la cucina occidentale le cui farine vengono utilizzate già da tempo nella nostra cucina. Il primo gennaio 2018 infatti è entrato in vigore in Europa il cosiddetto regolamento sui "novel food": al momento l'Ue ha già autorizzato per la vendita, come cibo da portare in tavola oltre ai grilli domestici (Acheta domesticus), la larva gialla della farina (Tenebrio molitor) e la Locusta migratoria.

Sono in molti però a considerare la farina di grillo inadatta alla nostra alimentazione, primi fra tutti gli italiani che, secondo Coldiretti, "non porterebbe mai a tavola gli insetti, considerati estranei alla cultura alimentare nazionale". Sulla stessa linea anche Filiera Italia: “Mangi pure gli insetti chi ha voglia di esotico, ma è un gioco in malafede promuoverli per una dieta sostenibile in alternativa alla nostra”, le parole di Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia.

L'Unione europea ha approvato l'utilizzo di questa polvere in vari alimenti, tra cui pane, cracker, grissini, barrette ai cereali, nei biscotti, nei prodotti secchi a base di pasta farcita e non farcita, nelle salse, nei piatti a base di leguminose e di verdure, nella pizza, nei prodotti a base di pasta, nel siero di latte in polvere, nei prodotti sostitutivi della carne, nelle minestre o anche nelle bevande tipo birra, nei prodotti a base di cioccolato, negli snack diversi dalle patatine e nei preparati a base di carne, destinati alla popolazione in generale.

Il provvedimento è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale comunitaria. E per un periodo di cinque anni, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, 24 gennaio 2023, è precisato nel provvedimento, solo la società Cricket One Co. Ltd è autorizzata a immettere sul mercato dell'Unione il nuovo alimento, salvo nel caso in cui un richiedente successivo ottenga un'autorizzazione per tale alimento.

684 CONDIVISIONI
La farina di grilli si può acquistare da oggi in tutta l'Unione europea
La farina di grilli si può acquistare da oggi in tutta l'Unione europea
Armi all'Ucraina, dal Senato via libera al decreto: votano contro M5S, Verdi e Sinistra
Armi all'Ucraina, dal Senato via libera al decreto: votano contro M5S, Verdi e Sinistra
Gli italiani dicono che Giorgia Meloni non ha fatto abbastanza sul caro benzina
Gli italiani dicono che Giorgia Meloni non ha fatto abbastanza sul caro benzina
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni