Il vaccino covid è arrivato che in Vaticano e Papa Francesco sarà tra i primi a vaccinarsi nella Santa sede. Le fiale dell’antidoto Pfizer sono state consegnate nelle scorse ore e a breve anche la Città del Vaticano inizierà la sua campagna vaccinate. Tra i primi a cui sarà somministrata la prima dose ci sarà anche il Papa emerito Benedetto XVI che nei giorni scorsi si era già prenotato per la vaccinazione contro il Covid al centro sanitario del Vaticano così come gli altri cardinali della santa sede. Le somministrazioni dell’antidoto al coronavirus si effettueranno nell’atrio dell’Aula Paolo VI, quella delle udienze pubbliche, che sarà appositamente allestita.

A somministrare il vaccino covid al Papa sarà il personale medico e infermieristico della Direzione di Sanità e Igiene del Governatorato del Santa Sede appositamente qualificato. In vista dell’arrivo delle fiale, infatti il servizio sanitario vaticano aveva già avviato tutte le procedure previste acquistando un frigorifero a bassa temperatura per conservare le boccette. Il vaccino che sarà somministrato al Papa e ai cardinali infatti è quello Pfizer-Biontech che richiede particolari precauzioni come la corretta conservazione a una temperatura molto bassa.

“La priorità sarà data al personale sanitario e di pubblica sicurezza, agli anziani ed al personale più frequentemente a contatto con il pubblico" ha spiegato il dottor Andrea Arcangeli, capo del servizio sanitario vaticano. Nei giorni scorsi era stato lo stesso Pontefice ad annunciare che si sarebbe sottoposto al vaccino covid. "Il vaccino è un'opzione etica perché tu ti giochi la salute, la vita, ma ti giochi anche la vita di altri. La settimana prossima inizieremo a farlo ed io mi sono prenotato, si deve fare", aveva spiegato infatti Bergoglio. Tra i primi a vaccinarsi come detto c’è Ratzinger, quasi 94enne. Con lui anche la famiglia del Monastero Mater Ecclesiae.