3.992 CONDIVISIONI
News sull'omicidio di Elena Del Pozzo a Catania
22 Giugno 2022
18:34

Tante mamme ai funerali di Elena Del Pozzo uccisa dalla mamma: “È la figlia di tutti”

Sono tantissime le mamme, i nonni e i papà davanti alla Cattedrale di Catania per le esequie della piccola Elena Del Pozzo, la bimba di 5 anni uccisa a coltellate dalla mamma Martina Patti. “Siamo qui perché è importante – spiega una mamma a Fanpage.it -. Lei è la figlia di tutti noi”
A cura di Gabriella Mazzeo
3.992 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'omicidio di Elena Del Pozzo a Catania

Sono tantissime le persone che si stanno radunando davanti alla Cattedrale di Catania per i funerali della piccola Elena Del Pozzo, la bimba di 5 anni uccisa a Mascalucia dalla madre Martina Patti. Moltissimi i papà, le mamme e i nonni che sostano davanti alle transenne in attesa delle 17,orario di inizio delle esequie. Già prima dell'inizio dell'omelia è palpabile la commozione della folla. Alcuni dei presenti hanno raggiunto la Sicilia in mattinata partendo da diverse regioni d'Italia. "Io arrivo da Reggio Calabria – ha raccontato una donna a Fanpage.it – e ho scelto di essere qui perché sono una mamma e perché ho una bimba della stessa età di Elena. Credo che sia importante darle l'ultimo saluto".

"Ho figli della stessa età della piccola – ha raccontato un'altra donna visibilmente commossa – e non sono riuscita a raccontare loro di questa vicenda. Lasciamo che i bimbi vivano la loro infanzia e riflettiamo su quanto sta accadendo. Dobbiamo fermarci e pensare alla mostruosità di tutto questo". Alcuni genitori hanno scelto di portare con loro i figlioletti, spesso coetanei della vittima. È tanta anche la rabbia nei confronti di Martina Patti, la 24enne che ha aggredito Elena con un coltello da cucina. "Non riesco a spiegarmi come si possa compiere un'azione simile – ha affermato un'altra mamma davanti alle telecamere -. Sono qui oggi perché credo che quella bimba sia la figlia di tutti noi".

In chiesa saranno presenti il papà Alessandro, i nonni paterni e la zia preferita della piccola Elena. Tra i banchi della Cattedrale vi saranno anche le insegnanti e i familiari dei suoi compagni di scuola. Resta invece in carcere Martina Patti, che ha confessato l'omicidio. Le forze dell'ordine vegliano su di lei giorno e notte temendo che possa compiere gesti estremi. Nel frattempo si indaga sulle dinamiche del delitto: secondo quanto accertato, Patti avrebbe agito nelle campagne di Mascalucia usando un coltello da cucina. L'arma non è ancora stata ritrovata.

Gli agenti hanno prelevato alcuni coltelli dalla cucina dell'abitazione della 24enne per verificare l'eventuale compatibilità con le ferite sul corpo della piccola.

3.992 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni