video suggerito
video suggerito
Omicidio Altavilla Milicia a Palermo

Strage di Altavilla, Giovanni Barreca trasferito di nuovo in un altro carcere: “Aggredito dai detenuti”

Giovanni Barreca, accusato della strage di Altavilla Milicia insieme alla figlia 17enne e ai coniugi Sabrina Fina e Massimo Carandente, è stato trasferito di nuovo dal carcere di Enna a quello di Barcellona Pozzo di Gotto. Come già successo a marzo nel Pagliarelli di Palermo, l’uomo è stato minacciato e aggredito da altri detenuti.
A cura di Eleonora Panseri
468 CONDIVISIONI
Giovanni Barreca e Antonella Salamone
Giovanni Barreca e Antonella Salamone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Due giorni fa, Giovanni Barreca, l’imbianchino reo confesso accusato insieme alla figlia 17enne e ai coniugi Sabrina Fina e Massimo Carandente della strage di Altavilla Milicia, in cui hanno perso la vita Antonella Salamone e i figli Kevin ed Emanuel, è stato trasferito di nuovo dal carcere di Enna a quello di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, struttura detentiva che ha un reparto di salute mentale.

Come era già successo a marzo nel carcere Pagliarelli di Palermo, anche ad Enna l'uomo è stato minacciato e aggredito da altri detenuti pur essendo in isolamento. "Ho ascoltato in diretta una delle aggressioni – ha raccontato il suo legale – Eravamo al telefono e il mio assistito. I telefoni sono in una zona comune ed è stato minacciato dagli altri detenuti. Gli hanno lanciato addosso di tutto e per evitare guai peggiori gli agenti lo hanno riportato in cella".

Consegnati ai difensori dei quattro indagati i materiali raccolti in questi mesi di indagini

Intanto, i dati contenuti in un hard disk da 8 terabyte, l’equivalente di 250 chiavette usb con una memoria di media grandezza, sono stati messi a disposizione dalle Procure di Termini Imerese e per i minorenni di Palermo delle difese dei quattro indagati.

Giancarlo Barracato e Franco Janfer Critelli, i legali che difendono rispettivamente Barreca, padre e marito delle vittime, e i due coniugi Carandente e Fina, hanno già consegnato il dispositivo agli inquirenti e la prossima settimana inizieranno le indagini difensive sulla base del contenuto dell’hard disk. La stessa cosa farà il difensore della figlia 17enne di Barreca, indagata anche lei per omicidio plurimo aggravato e soppressione di cadavere dalla Procura per i minorenni.

Giovanni Barreca e Antonella Salamone
Giovanni Barreca e Antonella Salamone

All’interno del dispositivo consegnato ai difensori degli indagati ci sono i materiali raccolti durante oltre tre mesi di indagini tecniche, le perizie e le copie forensi di tutti i telefoni dei quattro indagati e dei loro computer. Così come tutte le interazioni in rete: chat, messaggi, post sui social, mail e cronologie. Ci sono anche i risultati delle autopsie, le foto e i video fatti all'interno della villetta dove si è consumato l'omicidio e i tracciamenti gps degli spostamenti degli indagati.

Fina e Carandente interrogati dalla Procuratrice per i minori

Massimo Carandente e Sabrina Fina (Foto Facebook)
Massimo Carandente e Sabrina Fina (Foto Facebook)

La prossima settimana Sabrina Fina e Massimo Carandente dovrebbero essere ascoltati dalla Procuratrice per i minorenni Claudia Caramanna alla luce di tutto il materiale tecnico raccolto in questi mesi, come si legge su Repubblica.

Le misure cautelari per Giovanni Barreca e i due coniugi palermitani sono state disposte sulla base del racconto della figlia 17enne, che avrebbe preso parte al massacro della madre e dei due fratelli. Al nuovo interrogatorio, chiesto dagli indagati, dovrebbero partecipare anche i magistrati di Termini Imerese.

468 CONDIVISIONI
87 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views