0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Incidente sul lavoro a Casteldaccia

Strage Casteldaccia, indagato per omicidio colposo plurimo titolare società incaricata di fare i lavori

È stato iscritto nel registro degli indagati per la strage di Casteldaccia Antonio Di Salvo, contitolare della Quadrifoglio Group, la ditta che aveva le opere in subappalto, per cui lavoravano 4 dei 5 operai morti. L’accusa è di omicidio colposo plurimo.
A cura di Ida Artiaco
0 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Omicidio colposo plurimo. Con questa accusa è stato iscritto oggi nel registro degli indagati per la strage di Casteldaccia (Palermo), dove sono morti 5 operai e un altro versa in gravissime condizioni in ospedale, Antonio Di Salvo. Si tratta del contitolare della Quadrifoglio Group, la ditta che aveva le opere in subappalto.

Gli investigatori della squadra mobile hanno notificato oggi pomeriggio all'imprenditore l'avviso di garanzia. Le indagini sono condotte dalla Procura di Termini Imerese. Di Salvo era appena tornato da un viaggio negli Usa, mentre il suo socio, Epifanio Alsazia è una delle cinque vittime della tragedia.

Foto di Emanuele Fragasso
Foto di Emanuele Fragasso

Secondo quanto si apprende, gli inquirenti contestano a Di Salvo la mancanza di dispositivi di protezione personale. Quattro dei cinque morti sul lavoro sono dipendenti dalla ditta di Partinico. Il quinto è invece un lavoratore interinale dell'Amap. Ad oggi non risultano indagati il direttore dei lavori e responsabile della sicurezza del cantiere e il legale rappresentante della partecipata del Comune.

Gli operai sarebbero stati uccisi dal gas sprigionato dai liquami mentre lavoravano alla rete fognaria di Casteldaccia. I lavoratori, 7 in totale, erano impegnati nello specifico nella manutenzione di un impianto di sollevamento delle acque fognarie per conto dell'Amap, la società che gestisce le condotte idriche e fognarie a Palermo. Ad un certo punto alcuni di loro hanno cominciato ad accusare malori.

Immagine

Uno di loro è riuscito a uscire dall'impianto e a dare l'allarme ma gli altri sei sono rimasti intrappolati e sono svenuti a causa delle esalazioni. A soccorrerli sono stati i Vigili del fuoco e i sanitari del 118 che hanno provato a rianimarli sul posto, ma per 5 di loro non c'è stato nulla da fare. Un sesto operaio è ancora intubato al Policlinico di Palermo, ma le sue condizioni sarebbero molti gravi.

0 CONDIVISIONI
16 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views