video suggerito
video suggerito

“‘Stanno salendo i ne***, spostatevi che puzzano’: questo ho sentito dall’autista del bus durante un viaggio”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una donna che racconta di aver assistito a un episodio di profondo razzismo mentre si trovava a bordo di un pullman che da Roma era diretto in Basilicata: “Non possiamo più permetterci di abbassare la guardia rispetto a tutto quello che contribuisce ad alimentare una cultura divisiva di muri e confini”.
A cura di Redazione
288 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Fanpage.it riceve e pubblica il racconto di una nostra lettrice che ha scritto alla redazione per denunciare quanto le è accaduto alcuni giorni fa. Lei, originaria della Basilicata ma da molti anni residente a Roma, era in viaggio su un pullman di una ditta privata per andare dalla Capitale nel suo paese d'origine. E si è trovata costretta ad assistere a un episodio che, ci scrive, "non posso non denunciare".

Durante il viaggio il conducente del pullman ha annunciato una sosta per far salire "quelli che vanno a raccogliere i pomodori": l'invito dell'autista ai passeggeri era quello di cambiare eventualmente di posto.

"Questo avviso mi ha lasciata completamente basita per il profondo razzismo espresso senza alcuna vergogna", ci scrive, aggiungendo che da lucana e da italiana del Sud è offesa "da chi sta facendo di tutto per rendere inospitale il nostro territorio e snaturare il nostro senso dell'ospitalità".

La lettera a Fanpage.it

Gentile Redazione,

qualche giorno fa ero diretta da Roma verso il mio paese d’origine, in Basilicata, e durante il tragitto in pullman ho assistito a un episodio che non posso non denunciare. L'autista ha infatti annunciato a un certo punto una sosta dove sarebbero saliti "quelli che vanno a raccogliere i pomodori", invitando i passeggeri a cambiare eventualmente di posto.

Questo avviso mi ha lasciata completamente basita per il profondo razzismo espresso senza alcuna vergogna e anzi comunicato al microfono come se fosse un'informazione di servizio. Così mi sono avvicinata all'autista per chiedere chiarimenti e lui, con grande semplicità, mi ha risposto che "c'è gente a cui dà fastidio la puzza dei negri".

Sulla stessa corsa era a bordo un animale: pare quindi che possiamo viaggiare con i cani ma non con i neri, gli stessi neri senza i quali i nostri pomodori si perderebbero, le nostre terre sarebbero devastate dall'incuria eccetera eccetera.

Ci sarebbe molto da aggiungere in proposito, ma quello su cui è urgente riflettere è la profonda arretratezza culturale di quanti contribuiscono a diffondere pericolosi messaggi razzisti e ad alimentare pensieri nocivi e paure immotivate. Nel 2023 sembra che non riusciamo ancora ad affrancarci dagli antichi retaggi di tempi bui.

Capita spesso di assistere a episodi simili, e altrettanto spesso capita di liquidarli come manifestazioni di ignoranza facendo spallucce. E invece non possiamo più permetterci di abbassare la guardia rispetto a tutto quello che contribuisce ad alimentare una cultura divisiva di muri e confini.

Da lucana e da italiana del Sud mi sento offesa da chi sta facendo di tutto per rendere inospitale il nostro territorio e snaturare il nostro senso dell'ospitalità. Si tratta di comportamenti vergognosi e inammissibili su cui, oggi più che mai, dobbiamo vigilare.

È necessario denunciare e condividere riflessioni in proposito per trasformare una pericolosa percezione della realtà che, in fondo, sembra direttamente connessa al mancato sviluppo del nostro territorio. Perché non esiste sviluppo economico senza emancipazione culturale.

Invia la tua storia a Fanpage.it cliccando qui

288 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views