Covid 19
3 Dicembre 2021
16:52

Rezza: “Casi in aumento, ma nessuna esplosione dei contagi Covid grazie ai vaccini”

Silvio Brusaferro: “Nella fascia d’età tra i 30 e i 59 anni ci sono ancora 3,5 milioni di italiani non vaccinati”.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'epidemia in Italia è in una fase di progressiva crescita, ma fortunatamente non si può parlare di un'esplosione dei contagi. È questa, in sintesi, la situazione epidemiologica nel nostro paese, illustrata nella consueta conferenza stampa del venerdì a cura di Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, e Giovanni Rezza, direttore del dipartimento della prevenzione del Ministero della Salute. Prima di tutto però i dati settimanali: secondo l'ultimo monitoraggio relativo alla settimana dal 26 novembre al 2 dicembre l'indice Rt nel nostro Paese è in lieve calo a 1,20, mentre l'incidenza del contagio Covid è in crescita a 155 casi per 100mila. Aumentano anche i ricoveri nei reparti di area medica e in quelli di terapia intensiva. "A livello europeo – spiega Brusaferro – la crescita delle infezioni nel nostro paese è più contenuta, registriamo però un incremento soprattutto nelle regioni del nordest". Il dato anagrafico, inoltre, dimostra che i contagi sono in aumento prevalentemente in due fasce d'età: quella sotto i 20 anni e tra i 30 e i 49 anni, entrambe caratterizzate da un'inferiore copertura vaccinale. "Tra i 30 e i 59 anni – ha aggiunto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità – sono ancora 3,5 milioni gli italiani non vaccinati". Contestualmente però il 50% degli over 80 ha ricevuto la dose di richiamo. Quanto alla variante Omicron, invece, la situazione in Italia è ancora sotto controllo. "In Italia il 99% dei casi è da variante Delta: nell'ultima settimana abbiamo individuato 7 casi, tutti riconducibili al focolaio campano".

Rezza: "In Italia tendenza a un graduale aumento dei contagi"

Giovanni Rezza, direttore del dipartimento prevenzione del Ministero della Salute, ha commentato il monitoraggio odierno: "Siamo di fronte a un quadro chiaro, con una tendenza a un graduale aumento dei casi ma non ad una esplosione. I contagi si registrano maggiormente sotto i 20 anni e tra i 30 e i 50, soprattutto tra i non vaccinati". L'esperto ha spiegati che "non inseguiamo l'immunità di gregge, dobbiamo contenere gli effetti peggiori del virus, cioè i ricoveri in ospedale e i decessi. Questo possiamo farlo vaccinandoci: i vaccini sono l'arma migliore a nostra disposizione".

Per quanto riguarda la scuola, e in particolare il caso della "doppia circolare" nel giro di 24 ore, Rezza ha chiarito: "Le regioni e i responsabili scolastici sembravano non essere in grado di reggere l’urto dell'aumento dei contagi e volevano proteggersi". Per questo era stata data un'indicazione iniziale di quarantena a tutta la classe in caso di un contagio positivo. Poi, "abbiamo avuto la disponibilità della struttura commissariale di assolvere il compito di attivare un tracciamento, e credo che bisogna dare atto al commissario che finora ha assolto bene i suoi compiti", di conseguenza è stata diramata la seconda circolare: nessuna quarantena in caso di un solo positivo in classe.

29621 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni