382 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Settembre 2021
19:23

Protesta no vax in chiesa a Pescara, in 20 si abbassano la mascherina: scoppia il caos, un arresto

Singolare protesta di un gruppo di no vax a Pescara nella Basilica dei Sette Dolori: domenica sera durante la celebrazione della messa una ventina di persone, dopo aver preso posto tra i banchi, ha cominciato ad abbassarsi la mascherina invitando gli altri fedeli a fare lo stesso. Ma quando è intervenuta la polizia è scoppiato il caos.
A cura di Ida Artiaco
382 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una protesta durante la Messa domenicale, nel corso della quale hanno invitato i presenti ad abbassare la mascherina. È successo lo scorso 26 settembre a Pescara nella Basilica dei Sette Dolori, dove è scattata una singolare manifestazione dei no mask durante la celebrazione eucaristica iniziata alle 20 e conclusasi nel caos e con un arresto. Tutto è cominciato quando una ventina di persone sono entrate in chiesa e hanno cominciato improvvisamente ad abbassarsi la mascherina dopo aver preso posto tra i banchi, nonostante fossero stati ripresi più volte dal sacerdote celebrante. A lui hanno risposto urlando, definendo gli altri fedeli "schiavi del popolo". Ben presto è arrivata sul posto una voltante della polizia, allertata dal servizio di vigilanza, ed a quel punto la situazione è degenerata. Contro le forze dell’ordine, che hanno fatto ricorso anche allo spray al peperoncino, come riporta la stampa locale, sono volati paroloni, calci e pugni e una donna ha pure tentato di sfilare una pistola da una fondina. Un 40enne di Pescara, con un solo precedente per violenza privata, è stato arrestato, mentre in sei sono stati denunciati. Si tratta di 5 uomini e una donna di età compresa tra 30 e 56 anni, tre di Pescara e 3 della provincia di Chieti. Per altri è in corso l’identificazione.

Per tutti le accuse sono resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate in concorso, turbamento di funzioni religiose e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale. "Un brutto episodio. Sono stati volgari e incivili e meritano quello che stanno avendo. Non si interrompe una funzione religiosa, non si minaccia nessuno, non si mettono le mani addosso alle forze dell’ordine", è stato il commento del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, su Rai1, nella trasmissione Oggi è un altro giorno, in merito a quanto accaduto lo scorso 26 settembre.

382 CONDIVISIONI
28297 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni