784 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Dicembre 2021
14:04

Palù (Aifa) spiega perché è importante vaccinare contro il Covid i bambini dai 5 agli 11 anni

Il presidente di Aifa, Giorgio Palù, in audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato: “Nella fascia di età scolare c’è il massimo incremento di casi Covid e la situazione dei bambini è cambiata perché è cambiato il virus. I bambini si infettano e possono avere conseguenze gravi, vanno vaccinati”.
A cura di Ida Artiaco
784 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

A partire dal prossimo 16 dicembre partirà la campagna di vaccinazione contro il Covid per la fascia d'età 5-11 anni dopo il via libera prima di Ema e poi di Aifa. Il presidente dell'Agenzia italiana del Farmaco, Giorgio Palù, ha spiegato come si è arrivati a questa decisione e perché è importante immunizzare anche i bambini intervenendo in audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato, insieme, tra gli altri, a Silvio Brusaferro, presidente di Iss e membro del Cts.

Impennata di casi Covid tra soggetti in età scolare

Secondo Palù, al momento "nella fascia di età scolare c'è il massimo incremento di casi Covid" e "la situazione dei bambini è cambiata perché è cambiato il virus, come dimostrano una serie di pubblicazioni internazionali. Dal prototipo del virus di Wuhan – ha sottolineato – si sono susseguite inizialmente una serie di mutazioni che avevano poca capacità di colpire i bambini, perché questi hanno una concentrazione di recettori della proteina S del virus molto bassa, quindi si infettavano poco, si ammalavano poco e non morivano". Mentre la variante Delta ha cambiato tutto, "ha un'affinità aumentata di 10 volte per il recettore", quindi "i bambini si infettano e possono avere conseguenze gravi", ha aggiunto.

I dati sulle ospedalizzazioni tra i bambini

In termini numerici, Palù ha sottolineato che i dati "parlano di uno su 100 che viene ospedalizzato tra 0-5 o 0-6 anni, un dato molto significativo. E uno su 4.000 può andare in rianimazione, vengono colpiti da sindrome infiammatoria multisistemica che danneggia diversi organi vitali, come cuore, polmoni e fegato. Quindi la decisione sui bambini è stata presa soppesando molto il rapporto benefici-rischi", ha aggiunto, in merito all’ok alla somministrazione del vaccino per la fascia di età 5-11 anni da parte dell'Aifa. Quanto ai rischi del vaccino, "sono state finora vaccinate nel mondo 3 miliardi di persone e conosciamo i rischi nella popolazione adulta e adolescenziale: le miocarditi hanno un picco da tra 16 e 25 anni, sembra i bambini siano meno affetti e sono manifestazioni non gravi. Ben diversa è la situazione del miocardio quando è colpito da infezione da Sar-Cov-2″, ha sottolineato.

Tornando al via libera di Aifa ai vaccini per i più piccoli, Palù ha aggiunto che "proprio per quanto riguarda i bambini abbiamo voluto approfondire il dossier dell'Ema insieme ai dati dell'Associazione americana pediatrica sulla farmacovigilanza. Gli americani da quando hanno autorizzato il vaccino per questa fascia d'età hanno somministrato dosi a oltre 4 milioni di soggetti, mentre in Israele ne hanno vaccinato oltre 60mila".

"Presto monoclonali a domicilio"

Infine, Palù anche anche aggiunto che "presto ci saranno a disposizione monoclonali a domicilio. Si stanno oggi valutando nuovi monoclonali diretti contro la proteina S, la stessa utilizzata per indurre risposta anticorpale con i vaccini, e in grado di neutralizzare con altissima efficacia il virus, bloccando l'infezione e non solo la malattia. Credo che presto avremo a disposizione, monoclonali somministrabili per via sottocutanea o intramuscolare e in questo caso si potrà intervenire a casa del paziente, senza intasare ospedali e pronto soccorso". L'Agenzia italiana del Farmaco, inoltre, ha annunciato, "sta attualmente valutando due antivirali specifici. Uno è l'antivirale orale molnupiravir e un altro e' un inibitore della proteasi, per i quali abbiamo appena ricevuto il dossier. Ovviamente sarà importante studiare il dossier anche perché si è visto che per uno l'efficacia è diminuita rispetto a i documenti presentati in fase iniziale".

784 CONDIVISIONI
29558 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni