801 CONDIVISIONI
L'omicidio di Alice Neri a Modena
11 Gennaio 2023
17:50

Omicidio Alice Neri, un testimone: “L’ho vista baciare il collega e anche Mohamed”

Un testimone ha raccontato di aver visto Alice Neri la notte in cui è stata uccisa baciare il collega Marco, con cui aveva trascorso la serata, e poi avvicinarsi a Mohamed Gaaloul principale sospettato del suo omicidio.
A cura di Chiara Ammendola
801 CONDIVISIONI
Alice Neri e Mohamed Gaaloul
Alice Neri e Mohamed Gaaloul
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Alice Neri a Modena

Continuano ad emergere dettagli sulla notte dell'omicidio di Alice Neri, la donna di 32 anni trovata morta carbonizzata nella sua auto lo scorso 18 novembre nelle campagne di Concordia, nel Modenese. Mentre le indagini proseguono nel più stretto riserbo, questa volta è un testimone a raccontare quanto ha visto la sera in cui Alice è stata vista per l'ultima volta prima di essere uccisa.

L'uomo, ai microfoni di Mattino Cinque, programma tv in onda su Canale 5, ha infatti spiegato di aver notato la 32enne baciare il collega Marco, con cui aveva trascorso la serata allo Smart Café, e poi anche il principale sospettato del suo omicidio: il 29enne Mohamed Gaaloul. Quest'ultimo si trova in carcere, dopo essere stato estradato dalla Francia, con l'accusa di aver assassinato e poi dato alle fiamme il corpo di Alice.

Alice Neri
Alice Neri

“Ho visto solo questa persona, che si sono baciati, sono sicuro al 90 percento che fosse lui – racconta il testimone al giornalista – si sono baciati dietro la sala giochi, era con il suo collega. Era un bacio appassionato. Marco dopo è andato via a piedi”. Secondo quanto riferito dall'uomo, Alice sarebbe poi andata via con la macchina dirigendosi verso il parcheggio del bar, dove sarebbe stata raggiunta da Mohamed al quale avrebbe dato un bacio fugace. “Poi lui è salito in auto dal lato passeggero – ha concluso – e sono andati via”.

Di certo, l'ultima volta che la 32enne è stata vista viva erano le 3.40 della mattina del 17 novembre proprio nel cortile dello Smart Cafè, e dopo aver incontrato Mohamed Gaaloul. L'uomo, dopo una prima iniziale dichiarazione, si è rifiutato di rispondere alle domande degli inquirenti. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, grazie alle immagine delle telecamere di sorveglianza, il 29enne sarebbe arrivato nei pressi del locale in bici e si sarebbe allontanato con Alice in auto, ciò che è accaduto però resta ancora avvolto nel mistero.

Alice Neri
Alice Neri

Un altro testimone ha confermato la presenza di Mohamed all'interno del locale dove Alice aveva incontrato il collega Marco e col quale aveva trascorso la serata prima che lui la salutasse per tornare a casa. “È entrato e uscito dal bar un po' di volte – ha raccontato l'uomo a Mattino Cinque – giocava alle macchinette come me. Alice era al tavolo con il suo collega, sembravano una coppia”.

801 CONDIVISIONI
58 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni