1.580 CONDIVISIONI
11 Ottobre 2015
10:55

Max, malato di Sla: “Interrompo le cure finché il Parlamento non legifera sull’eutanasia”

Max Fanelli: “Caro Stato, se non mi dai la libertà e la dignità tieni pure le medicine per la SLA”.
A cura di Davide Falcioni
1.580 CONDIVISIONI

Max Fanelli ha detto stop alle cure mediche: il 54enne marchigiano affetto da Sla ha deciso di interrompere ogni terapia e di farlo in segno di protesta contro la classe politica che non ha ancora messo in discussione in Parlamento una legge sull'eutanasia legale. In una nota Fanelli ha scritto: "Mentre passano le settimane, per tutti noi, malati terminali di patologie incurabili e progressive, i disagi psicofisici aumentano e devi riuscire ad adattarti o a sopportare i nuovi dolori, le nuove incapacità. Io ad esempio, rimasto con un occhio solo e l'udito funzionanti, ho appena avuto una congiuntivite e ho subìto un’ulteriore semi paralisi della palpebra dello stesso occhio e sono costretto a farmelo inumidire ogni 15 minuti".

Fanelli prosegue:

"Per scrivere 3 righe con il pc a controllo oculare, ci ho impiegato anche due ore. Tutto questo per 20 giorni. Oltre ai disagi derivanti dalla patologia, sto gradatamente perdendo l’udito a causa di un accumulo di secrezioni all’interno dell'orecchio. Insieme a tante altre situazioni come la mia, incredibilmente, i diritti dei morenti sono costantemente trascurati dai capigruppo di Camera e Senato che ignorano completamente ogni appello a legiferare in tal senso, da ovunque esso provenga. A nulla sono valse la legge di iniziativa popolare sul fine vita depositata a settembre 2013 dall’Associazione Luca Coscioni, gli innumerevoli appelli di malati e familiari, i nostri due appelli ad occuparsi del problema, accompagnati dalle firme di 82 deputati e senatori, l'invito a legiferare della Presidente della Camera Laura Boldrini e dell’ex Presidente della Repubblica Sergio Napolitano. Nel nulla sono finiti i nostri appelli sia scritti che videoregistrati al Presidente Mattarella ed al Papa. É inaccettabile che vengano trattati in questo modo migliaia di malati terminali, costretti dall’assenza di una legge sul fine vita a subire dolori e sofferenze condivise sia dal malato che dalla famiglia. É incredibile che cadano nell’oblio cosi velocemente le nostre richieste, quelle del movimento #iostoconmax e quelle di migliaia di cittadini italiani o personaggi famosi e politici che si sono fatti fotografare con la nostra cartolina speciale, inviatami poi a casa e consegnata a luglio, tramite la Boldrini, nelle loro mani, scivolando nella totale indifferenza dei capigruppo di Camera e Senato. Noi parliamo di Dolore, di Malattia, di Morenti. Noi rivendichiamo il diritto alla Libertà ed alla Dignità, di tutti". Infine Faneli conclude: "Caro Stato, se non mi dai la libertà e la dignità tieni pure le medicine per la SLA".

Vi abbiamo già raccontato la storia e la battaglia intrapresa da Max: l'uomo, 54 anni, insieme a sua moglie Monica e a tanti amici ha intrapreso una battaglia per una legge sull'eutanasia legale. Dal 2013 è malato di Sclerosi Laterale Amiotrofica e da gennaio 2015 è completamente immobile: il suo corpo non ha perso sensibilità, ma tutti i muscoli hanno smesso di funzionare, persino i polmoni. Respira grazie a un apparato medico e si nutre grazie alla pes. Riesce a comunicare solo grazie all'occhio destro che gli consenti di scrivere su uno speciale computer.

1.580 CONDIVISIONI
Cannabis terapeutica: il calvario di Cristian, malato, lasciato senza cure e pure arrestato
Cannabis terapeutica: il calvario di Cristian, malato, lasciato senza cure e pure arrestato
La piccola Raffaella cinque mesi dopo le cure in ospedale si scatena sulle note di Jerusalema
La piccola Raffaella cinque mesi dopo le cure in ospedale si scatena sulle note di Jerusalema
Ministra Dadone: "Su cannabis c'è stigma culturale, affrontiamolo e diamo risposte a chi fa uso terapeutico"
Ministra Dadone: "Su cannabis c'è stigma culturale, affrontiamolo e diamo risposte a chi fa uso terapeutico"
740.294 di Fanpage.it
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni