Mancano due giorni alla Maturità 2019, e stamattina alle 8.30 le commissioni si sono riunite per la riunione plenaria, che decreta l'inizio dei lavori per l'esame di Stato. Il 3 giugno il Miur aveva reso noti i nomi dei commissari esterni della Maturità 2019. Si tratta di una delle tappe più attese dagli studenti, curiosi di scoprire con quale insegnante dovranno vedersela a partire dal prossimo 19 giugno, giorno della prima prova. Già da venerdì 31 maggio le segreterie scolastiche hanno ricevuto gli elenchi con i nominativi ed era partito un tam tam sui social network alla ricerca dei professori designati, ma solo qualche minuto è arrivata la conferma. Saranno 13.161 le commissioni d’Esame per 26.188 classi coinvolte e 520.263 i candidati iscritti alla Maturità 2019, di cui 502.607 interni e 17.656 esterni. Ora i ragazzi potranno cercare tutte le informazioni utili sui commissari, sulle loro specializzazioni e materie di riferimento.

Ecco tutte le informazioni sui nomi dei commissari esterni per ogni classe e istituto, sulle materie esterne e interne e sui ruoli e i compiti dei commissari esterni alla Maturità 2019.

Commissioni Maturità 2019: dove trovare i nomi dei commissari esterni

Per conoscere i nomi dei commissari esterni indicati dal Miur per la Maturità 2019, basta cliccare nella sezione "Cerca commissione" del sito internet ministeriale, inserire nei campi i dati richiesti, come la città e la scuola, e il gioco è fatto. In alternativa, ci si potrà rivolgere direttamente all'istituto di appartenenza oppure nei gruppi Facebook dedicati alla Maturità o ancora la pagina ufficiale Facebook del Ministero. Il portale sta registrando alcuni problemi di accesso, a causa dell'elevato numero di contatti che si sono riversati sulla pagina di riferimento. A questo punto, i maturandi potranno cominciare a cercare ogni informazione utile su questi docenti: Qualcuno li conosce? Come interroga? Cosa chiede? Quali sono le domande ricorrenti che fa? Al momento, ci sono tantissimi gruppi Facebook nati per scambiare notizie e altri dettagli sui commissari esterni.

Maturità 2019: le materie esterne per indirizzo

Il 18 gennaio scorso sono state comunicate a docenti e studenti le materie della Maturità 2019, la prima con la nuova formula. Ecco, di seguito, tutte le materie esterne del 2019 divise per indirizzo di studio:

  • Liceo classico: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera; matematica.
  • Liceo scientifico: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera, scienze naturali.
  • Liceo scientifico (op. Scienze applicate): Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera, scienze naturali.
  • Liceo delle scienze umane: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera; matematica.
  • Opzione economico sociale: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera 1; matematica.
  • Liceo artistico: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera; storia dell'arte.
  • Liceo linguistico: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera 2; fisica.
  • Liceo coreutico: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera; fisica
  • Istituti tecnici: Lingua e letteratura italiana; lingua e letteratura straniera; matematica o diritto.

Chi sono i commissari esterni alla Maturità 2019

In ogni commissione d'esame ci sono quattro membri esterni, ovvero estranei e del tutto sconosciuti agli studenti, incluso il presidente, e tre interni. Gli insegnanti esterni avranno una certa responsabilità, molto di più che negli anni passati, perché dovranno confrontarsi con le tantissime novità in arrivo con la Maturità 2019, dalla prima prova all'orale. La regola generale è che si può interrogare "esclusivamente sul programma dell'ultimo anno inerente la materia di cui ha l'abilitazione", come ha ribadito il Miur, ma nel caso in cui lo stesso commissario avesse l'abilitazione in altre materie, potrà anche sondare le conoscenze dei maturandi anche in queste ultime. I commissari interni sono scelti dal Consiglio di Istituto, i nomi commissari esterni, invece, sono selezionati dal Miur tra gli insegnanti abilitati nella materia esterna stabilita per l'esame.

Cosa fanno i commissari esterni

Il commissario esterno avrà quindi la competenza di correggere lo scritto oggetto di materia esterna e di interrogare su tutte le materie per le quali sono abilitati agli esami orali, rilevando eventuali errori, criticità, spunti e intuizioni. La responsabilità della valutazione è però collegiale, cioè attribuita all’intera commissione. Ciò significa che non è il singolo commissario a decidere il voto, ma il punteggio viene stabilito dall'intera commissione. In caso di spaccatura tra i commissari, il presidente, che è esterno, è chiamato ad assegnare il voto tra quelli proposti dai professori. All'esame orale, ogni commissario ha il diritto di interrogare indistintamente durante l'esame all'orale, ma solo sulle materie per cui è abilitato all’insegnamento. Anche per l'esame orale, la decisione del voto è collegiale: qui i possono assegnare al massimo 20 punti per ogni prova.