video suggerito
video suggerito
News su Marco Raduano, boss evaso dal carcere

Marco Raduano evaso a Nuoro, il boss aveva la chiave per uscire nel cortile del carcere

Secondo quanto emerso dalle indagini in atto, il boss Marco Raduano aveva le chiavi per uscire dal reparto di massima sicurezza del carcere di Nuoro, dal quale è evaso nella serata di venerdì. Le ricerche sono ancora in corso.
A cura di Gabriella Mazzeo
2.581 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Due inchieste, una della Procura di Nuoro e l'altra interna al ministero della Giustizia per l'evasione di Marco Raduano, boss della criminalità organizzata garganica fuggito dal carcere di Nuoro. Il criminale, ancora ricercato, è stato ripreso da alcune telecamere di videosorveglianza mentre si calava dal muro di cinta della struttura di Badu e' Carros. Secondo quanto reso noto, Raduano si sarebbe presentato regolarmente alla conta pomeridiana per poi uscire in giardino e mettere in atto il suo piano per l'evasione.

Il boss, infatti, aveva le chiavi per uscire dal reparto di massima sicurezza nel quale era rinchiuso. Secondo le indagini, il detenuto potrebbe aver studiato le falle nel sistema di guardia per poi agire e prendere le chiavi. Non si esclude, però, che possa essere stato aiutato da qualcuno. 

Una fuga, secondo chi indaga, programmata ne minimi dettagli e agevolata da complici che potrebbero aver poi offerto a Raduano un nascondiglio. La sorveglianza, infatti, si è accorta della sua assenza solo due ore dopo l'evasione. La caccia all'uomo iniziata nella serata di venerdì non ha ancora dato i frutti sperati. I controlli sono stati intensificati in tutto il Nuorese, nei porti e negli aeroporti della Sardegna.

Sull'accaduto indaga anche la direzione distrettuale antimafia di Bari che ha voluto avviare accertamenti su un'eventuale rete di complicità sul territorio che possa aver permesso l'evasione.

Il caso è diventato anche politico a seguito di diverse interrogazioni già presentate al governo, in particolare ai ministri della Giustizia e dell'Interno. I sindacati, invece, puntano il dito contro le gravi carenze nell'organico. "Nell'Alta sicurezza di Nuoro c'è solo un collega – ha spiegato alla stampa Giovanni Conteddu dell'Osapp Nuoro – che magari pagherà le negligenze dell'amministrazione penitenziaria che non ha mai potenziato l'organico nonostante le richieste e questo non è giusto".

2.581 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views