116 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Settembre 2022
20:01

Le Regioni dove i casi Covid stanno aumentando più rapidamente

Secondo l’ultima tabella dell’Iss sui casi Covid, i nuovi contagi stanno aumentando in tutte le Regioni italiane. Ma in alcuni casi la curva sta risalendo più velocemente.
A cura di Tommaso Coluzzi
116 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una nuova ondata di casi Covid punta a travolgere l'Italia. Dopo oltre due anni di pandemia i tempi sono ormai chiarissimi: dopo una discesa cominciata ad agosto e durata fino a metà settembre, siamo di fronte a un'importante risalita dei contagi. A testimoniarlo c'è, come sempre, il consueto monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità. Nelle prossime settimane i numeri aumenteranno ancora – come ha spiegato il virologo Pregliasco a Fanpage.it – ma si tratta di una nuova ondata ampiamente attesa. I dati, intanto, parlano chiaro: l'incidenza sta aumentando rapidamente e in alcune Regioni è addirittura raddoppiata nel giro di una settimana. Tutto ciò avrà inevitabili ricadute: in primis perché altre persone si ammaleranno, ma anche perché aumenterà inevitabilmente la pressione sulle strutture sanitarie.

Nella tabella Iss sugli indicatori decisionali – che si chiama ancora così nonostante non decidano più niente da mesi, visto che servivano a determinare i colori delle Regioni che sono stati eliminati da tempo – si può vedere il dettaglio Regione per Regione. E non solo il dato nazionale, che raggiunge i 325 casi ogni 100mila abitanti. Ma attenzione: nelle due Province autonome di Bolzano e Trento i nuovi casi sono molti di più, rispettivamente 637,6 e 633,0. Praticamente il doppio del livello nazionale. Ma la crescita è più elevata anche in Veneto (557,0), Umbria (498,0), Friuli Venezia Giulia (486,7) e Abruzzo (461,3).

In generale, inoltre, ci sono Regioni dove il dato non solo è più alto, ma sta mediamente crescendo con più rapidità. Nelle Marche, ad esempio, il numero dei contagi è praticamente raddoppiato da una settimana all'altra.

È sempre interessante guardare anche la colonna dell'occupazione dei posti letto in ospedale, che continua a mostrare un dato relativamente basso a livello nazionale. Il punto è sempre lo stesso: più gli ospedali sono affollati più c'è il rischio che le strutture vadano in difficoltà e vengano rinviati tutti quei controlli, visite e operazioni non urgenti.

A livello nazionale il 6,0% dei posti letto in area medica è occupato da pazienti Covid, in terapia intensiva sono l'1,4%. Ma se si guarda il dettaglio delle varie Regioni qualche dato più interessante esce fuori: nella Provincia di Bolzano sono il 20,2% i posti occupati in reparto da pazienti positivi, praticamente uno su cinque. L'Umbria è al 17,8%, la Valle d'Aosta al 16,4%. In terapia intensiva è la Calabria ad avere il dato più alto, ma comunque sotto controllo: 4,8%, contro l'1,4% nazionale. In pratica in rianimazione un paziente su venti ha il Covid.

116 CONDIVISIONI
32159 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni