200 CONDIVISIONI
23 Marzo 2021
11:00

Le mani della ‘ndrangheta sulla sanità calabrese, le cosche controllavano medici e appalti

La cosca Piromalli controllava la gestione dei distretti sanitari dell’Asp di Reggio Calabria. È quanto hanno scoperto i carabinieri del ROS che oggi hanno eseguito 14 arresti su richiesta della locale procura-Direzione distrettuale antimafia tra cui alcuni medici ritenuti soldi all’organizzazione mafiosa.
A cura di Antonio Palma
200 CONDIVISIONI

La ‘ndrangheta aveva messo da tempo le sue mani sulla sanità calabrese riuscendo ad arrivare ai vertici dell’Azienda sanitaria di Reggio Calabria di cui era arrivata a controllare vertici, medici e forniture. È quanto hanno scoperto i carabinieri del ROS che oggi, in collaborazione con i Comandi provinciali di Reggio Calabria, Catanzaro e Bologna, che hanno eseguito 14 ordinanze di misure cautelari emesse dal Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della locale procura-Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di altrettante persone ritenute coinvolte. Per loro le accuse a vario titolo sono di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, corruzione, trasferimento fraudolento di valori, traffico di influenze illecite in concorso, tutti aggravati dal metodo mafioso.

Medici tra esponenti della cosca Piromalli

L’inchiesta conclusa nel 2018, in epoca antecedente alla pandemia, secondo gli inquirenti ha fatto emergere come i condizionamenti mafiosi avessero completamente alterato il funzionamento della Azienda sanitaria di Reggio Calabria. In particolare i carabinieri si son concentrati sulle attività della cosca Piromalli scoprendo che la suo interno avevano assunto posizione di particolare rilievo alcuni medici che nel frattempo sono riusciti a ricoprire vari incarichi nelle Aziende sanitarie di Reggio Calabria, Gioia Tauro, Palmi (Reggio Calabria) e Tropea (Vibo Valentia.

Gare e appalti per gli ospedali monopolizzati dalle cosche

Grazie all’attività dall’interno e le posizioni ricoperte nell’azienda sanitaria dai medici indagati ma anche alla capacità intimidatoria del gruppo criminale, secondo gli inquirenti, il sistema gestionale dei Distretti sanitari dell’Asp di Reggio Calabria è stato compromesso nel profondo. Ad esempio le cosche erano in grado di controllare e alterare le procedure di nomina dei direttori delle Asp e avevano monopolizzato la filiera economica della distribuzione dei prodotti medicali. Spesso infatti le procedure di affidamento delle commesse erano dirette e senza gare, favorite dalla mediazione di personale medico che poi veniva ricompensato con utilità varie.

200 CONDIVISIONI
Meteo, quando finiranno i temporali al Nord e che tempo farà nel weekend
Meteo, quando finiranno i temporali al Nord e che tempo farà nel weekend
“La speculazione edilizia è un cancro che sta mangiando l'Italia”: la denuncia di Mercalli a Fanpage
“La speculazione edilizia è un cancro che sta mangiando l'Italia”: la denuncia di Mercalli a Fanpage
L'oroscopo del 3 agosto 2022
L'oroscopo del 3 agosto 2022
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni