5.117 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Gennaio 2022
11:35

L’avvertimento di Bill Gates: “La prossima pandemia più letale del Covid, bisogna prepararsi”

Il fondatore di Microsoft invita tutti i governi a contribuire con fondi cospicui alla ricerca medica e scientifica per prepararsi in tempo a nuove pandemia come quella covid.
A cura di Antonio Palma
5.117 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Bisogna prepararsi per tempo ad altre pandemia globali simili o ancora più terribile di quella covid, investendo tempo e risorse necessarie ad affrontarle, è l’avvertimento lanciato dal magnate e filantropo Bill Gates per mettere in guardia Governi e istituzioni nazionali e internazionali dal pericolo che una mancata organizzazione in questo senso potrà comportare. Secondo Gates, il mondo nel prossimo futuro potrebbe fare i conti con un agente patogeno decisamente più contagioso delle varianti delta e omicron del coronavirus generando tassi di infezione e decessi spaventosi. Per questo il fondatore di Microsoft invita tutti i governi a contribuire con fondi cospicui alla ricerca medica e scientifica in questo settore come il finanziamento per lo sviluppo di tecniche di creazione di nuovi vaccini in modo più veloce.

“Quando si parla di spendere miliardi bisogna ricordare che ci sono stati trilioni di danni economici e milioni di persone coinvolte, è una polizza assicurativa piuttosto buona”, ha sottolineato Gates in una lunga ricostruzione al Financial Times in cui ha ricordato che anche durante la pandemia è toccato alle associazioni no profit e di filantropia come la sua aiutare i Paesi più poveri e indirettamente tutto il mondo. “Le priorità del mondo sono strane ed è toccato ai filantropi e ai governi ricchi affrontare l'iniquità dei vaccini” ha sostenuto Gates la cui fondazione creata con la ex moglie Melinda ha donato 300 milioni di dollari alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, che ha contribuito a formare il programma Covax per fornire vaccini ai paesi a basso e medio reddito.

La stessa CEPI sta cercando di raccogliere ora 3,5 miliardi di dollari da destinare a ricerche mirate a  ridurre il tempo necessario per sviluppare un nuovo vaccino a soli 100 giorni in caso di comparsa di un nuovo virus letale . Uno sforzo enorme per prepararsi a una futura pandemia ma che, secondo Gates, potrebbe anche essere utile per affrontare i problemi sanitari già esistenti

5.117 CONDIVISIONI
31007 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni