34 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio Giulia Cecchettin

La telefonata di papa Francesco a Gino Cecchettin dopo il femminicidio di Giulia: “È un dono”

Il racconto di Gino Cecchettin durante la presentazione del suo libro. La telefonata di Bergoglio è giunta tramite il cardinale Matteo Zuppi: “È stato lui a chiamarmi dicendomi ‘Ti passo il Santo Padre'”.
A cura di Susanna Picone
34 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Una telefonata tra papa Francesco e Gino Cecchettin, papà di Giulia, vittima di femminicidio lo scorso novembre in Veneto. A dar notizia di questo colloquio con il Pontefice è stato lo stesso Cecchettin, che ha appena pubblicato un libro in ricordo della figlia uccisa dall’ex fidanzato.

Gino Cecchettin lo ha rivelato ieri sera – riportano i quotidiani locali – durante la presentazione del suo libro "Cara Giulia", al teatro Verdi di Padova. La telefonata è arrivata tramite il cardinale Matteo Zuppi, vescovo di Bologna e presidente della Cei: "È stato lui a chiamarmi dicendomi ‘Ti passo il Santo Padre'. Io ho un rapporto con i ‘piani sopra' un po' equivoco – ha detto Gino Cecchettin – ma per quanto uno non ci creda, lui rappresenta due miliardi di persone. Quando senti le sue parole senti due miliardi di persone che ti danno una pacca sulla spalla e ti sostentano. Questo è un dono".

Immagine

"Tutto questo non è per me, è per Giulia e per tutte le Giulie che potremo salvare: non è facile per me essere davanti a così tanta gente, e non sarà facile esprimere ciò che ho dentro", ha detto ieri sera Gino Cecchettin in un teatro gremito. Il libro è stato per Cecchettin il "modo migliore per elaborare il lutto" dopo la morte della figlia e ora servirà a finanziare la Fondazione per la lotta alle violenza di genere che sarà attivata nel nome della studentessa di Vigonovo.

Ospite domenica scorsa di Fabio Fazio a Che tempo che fa Gino Cecchettin ha spiegato anche perché lui non parla mai di Filippo Turetta, coetaneo di Giulia e reo confesso del delitto. "Ho voluto concentrarmi solo su Giulia", ha detto l’uomo, che però ha rivolto un pensiero ai genitori dell’ex fidanzato della figlia: "Con loro ci siamo sentiti un paio di volte, l'ultima a Natale. Rinnovo a loro tutto il mio sostegno, perché ancora adesso stanno vivendo un dramma".

34 CONDIVISIONI
242 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views