796 CONDIVISIONI
Coronavirus
14 Giugno 2021
17:00

Il sottosegretario alla Salute Sileri dice che il mix di vaccini è sicuro e non ci sono rischi

Il “mix di vaccini anti-Covid già si fa in diversi Paesi del mondo, questa combinazione è sicura e non ci sono rischi, se non un modesto incremento di reazioni avverse minori”: lo dice il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di SkyTg24. Sulle varianti Covid: “Dobbiamo migliorare il sequenziamento”.
A cura di Susanna Picone
796 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il mix di vaccini anti-Covid è sicuro. A ribadirlo oggi, durante un intervento a “Timeline” su SkyTg24 il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. "In diversi Paesi del mondo, tra cui il Canada e Germania, già si fa il mix mix di vaccini che è sicuro e non ci sono rischi, se non un modesto incremento di reazioni avverse minori”, ha detto Sileri aggiungendo che lo switch dei vaccini sembrerebbe dare una risposta immunitaria migliore. “Questa modalità può rientrare nella normalità”, le parole del sottosegretario alla Salute. La vaccinazione eterologa, ovvero appunto l'utilizzo di una seconda dose con un vaccino diverso rispetto a quello utilizzato per la prima somministrazione, sta facendo discutere Regioni e Governo. A rassicurare sul nuovo approccio, adottato dopo lo stop al vaccino di AstraZeneca per le persone con meno di 60 anni – che ora, se già vaccinati con questo vaccino, effettueranno il richiamo con un farmaco a mRNA – è stato lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza.

Vaccini AstraZeneca e J&J solo a over 60

"Credo che quello che chiede De Luca, ulteriori chiarimenti, sia giusto" ha aggiunto Sileri parlando del vaccino e delle parole del presidente della Regione Campania. "Dico che la circolare del ministero della Salute deve spiegare un po' meglio cosa si deve fare anche con il vaccino J&J. Da quella circolare si evince che per questi vaccini dovrebbe valere lo stesso discorso fatto per AstraZeneca. Andrebbe chiarito perché ci sono situazione in cui questa circolare è disattesa o interpretata diversamente. Questa tipologia di vaccini venga usata solo per gli over 60”.

Correre con seconda dose vaccino e migliorare sequenziamento

Pierpaolo Sileri ha parlato anche dell’importanza di individuare le varianti del Coronavirus. "Oggi contro le varianti occorre correre con le seconde dosi" di vaccino, così Sileri, “ma il primo insegnamento è che dobbiamo migliorare il sequenziamento" ha aggiunto rispondendo alla domanda su che fine ha fatto il Consorzio italiano per il monitoraggio delle varianti, annunciato a fine gennaio. "I fondi sono stati stanziati, ma mi sto battendo per raddoppiarli: il primo budget richiesto è stato di 5 milioni di euro, ma chiederò un raddoppio”, ha detto ancora. Secondo Sileri non serve fare un tampone a un vaccinato senza sintomi, “sono spese inutili con soldi che invece potrebbero essere usati per il tracciamento". "Allo stesso tempo non vedo perché debba essere messa in quarantena una persona vaccinata – ha aggiunto – capisco la massima precauzione ma la ridondanza diventa lesiva”. "Nel Regno Unito coloro che vengono contagiati dalla variante indiana sono prevalentemente persone non vaccinate o vaccinate con una sola dose. Poi c'è una parte residuale che ha fatto le due dosi. Questo ci dice che è combattuta dai vaccini, poi bisogna vedere se tutti la combattono alla stessa maniera. Ci insegna che dobbiamo correre con la seconda dosi e poi dobbiamo migliorare il sequenziamento".

796 CONDIVISIONI
26099 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni