545 CONDIVISIONI
L'omicidio di Niccolò Ciatti in Spagna
5 Ottobre 2021
23:00

Il papà di Niccolò Ciatti a Fanpage.it: “Bene l’estradizione del ceceno, vogliamo l’ergastolo”

La Germania consegnerà all’Italia il cittadino russo accusato dell’omicidio di Niccolò Ciatti, in una discoteca di Lloret de Mar, in Spagna. Fanpage.it ha raggiunto al telefono Luigi Ciatti, il padre di Niccolò: “E’ una buona notizia, ma non posso dire sono contento”, dice ai nostri microfoni “perché la contentezza è un’altra cosa”.
A cura di Saverio Tommasi
545 CONDIVISIONI
Niccolò Ciatti
Niccolò Ciatti
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Niccolò Ciatti in Spagna

La Germania ha deciso di consegnare alle autorità italiane il cittadino russo di origine cecena Rassoul Bissoultanov, ritenuto responsabile dell'assassinio di Niccolò Ciatti, avvenuto il 13 agosto 2017 in Spagna. L'autorizzazione alla consegna fa seguito a un mandato di arresto europeo, emesso dalla Procura della Repubblica di Roma nel 2020. Fanpage.it ha raggiunto al telefono Luigi Ciatti, il padre di Niccolò.

"E' una buona notizia la sua estradizione. Non riesco a dire "sono contento", la contentezza è un'altra cosa, non posso sentirla in mezzo a questa tragedia, però sì, l'estradizione in Italia di Bissoultanov è una buona notizia".

Preferite l'Italia alla Spagna, o alla Germania?
"Vorremmo il luogo dove più a lungo possa rimanere in carcere, e pensiamo che questo luogo possa essere l'Italia. La Spagna si è dimostrata pessima, dopo quattro anni non hanno neanche iniziato il processo, e Bissoultanov alla prima occasione è infatti riuscito a fuggire. Aveva firmato al tribunale di Girona il 2 agosto, e sarebbe dovuto tornare a firmare il 16 agosto, cioè due settimane dopo. Ma lui già il 3 agosto è fuggito in Germania, ed è stata solo una casualità il fatto che lo abbiano trovato, durante un controllo appunto casuale all'auto in cui viaggiava".

Arriveremo al processo.
"Sì, ora finalmente sì, e noi speriamo in una condanna molto alta, noi vorremmo l'ergastolo. Vede, l'assassino non ha nessuna intenzione di riabilitarsi, ma di fuggire, lo ha già dimostrato. Non è pentito, e l'unico posto dove è giusto che stia è in carcere, anche come esempio per altri come lui".

Ci ha detto molto, ma vuole aggiungere qualcosa?
"Vorrei dire questo: non riesco a dimenticare le immagini del calcio che ha sferrato a Niccolò, già a terra. Ho davanti agli occhi mio figlio in terra, e lui che a quel punto gli sferra quel calcio dato per uccidere. Quel calcio ce l'ho davanti agli occhi, sempre, non se ne va. E sa un'ultima cosa? L'ho pensato tante volte: avessi potuto, avrei preso il posto di mio figlio".

545 CONDIVISIONI
25 contenuti su questa storia
Il processo per l’omicidio di Niccolò Ciatti si farà in Italia, il padre: “Lui merita giustizia”
Il processo per l’omicidio di Niccolò Ciatti si farà in Italia, il padre: “Lui merita giustizia”
Pestato a morte in discoteca, la Spagna sospende il processo per l'omicidio di Niccolò Ciatti
Pestato a morte in discoteca, la Spagna sospende il processo per l'omicidio di Niccolò Ciatti
Omicidio Niccolò Ciatti, la Germania consegnerà all'Italia l'indagato Rassoul Bissoultanov
Omicidio Niccolò Ciatti, la Germania consegnerà all'Italia l'indagato Rassoul Bissoultanov
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni