278 CONDIVISIONI

“Il mio ragazzo era un mostro, ho avuto paura di poter diventare anch’io una notizia in tv”

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin, 105esima donna uccisa nel 2023, Fanpage.it apre uno spazio per le lettrici e i lettori per condividere le loro testimonianze. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Redazione
278 CONDIVISIONI

Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Giulia Cecchettin è la 105esima donna uccisa nel 2023. La 82esima in ambito familiare. Un dramma in seguito al quale la famiglia di Giulia, col papà Gino e la sorella Elena, hanno chiesto di “far nascere qualcosa perché non accada più”, di “fare rumore” e di denunciare, sempre.

Se avete voglia di condividere le vostre testimonianze, Fanpage.it è aperto a voi. Scriveteci a segnalazioni@fanpage.it o cliccando qui. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h. Pubblichiamo di seguito una delle tante testimonianze arrivate alla nostra redazione.

La lettera a Fanpage.it

Dai 15 ai 18 anni sono stata fidanzata con uno dei tanti mostri in circolazione. Era una continua violenza fisica e mentale. Non potevo uscire con le mie amiche, poi neanche con mia madre.

Non potevo vestirmi o truccarmi come le mie coetanee perché poi qualsiasi cosa aderente o trucco vistoso era considerato da tr***. Rimasi completamente sola, mi fece lasciare anche danza e io ci ero cresciuta nelle sale da ballo, per me era vita.

Per i motivi più stupidi lui si innervosiva e iniziava a picchiarmi, più di una volta ho ricevuto calci e pugni al petto che mi facevano mancare il respiro.

Ho avuto paura di poter diventare anch’io una notizia in tv, se non avessi avuto il coraggio di uscirne probabilmente ora non sarei qui a scrivervi.

L’unico mio rimpianto è non averlo denunciato ma solo perché dopo averlo lasciato mi ha lasciata in pace. Ad oggi tornassi indietro lo denuncerei, ed è quello che dico a tutte le donne: denunciate, denunciate, denunciate.

278 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views