Al momento non vi sono evidenze scientifiche di trasmissione del coronavirus attraverso gli alimenti ma con l’epidemia da Covid-19 ancora in corso occorrono azioni aggiuntive rispetto a quelle che normalmente siamo abituati per garantire l’igiene degli alimenti sia durante la spesa che una volta tornati a casa. A darci una mano è l’Istituto Superiore di Sanità che, attraverso un gruppo di lavoro apposito, ha stilato un vademecum sia per gli operatori del settore alimentare sia per i consumatori che devono “seguire regole precise in ambito domestico di igiene, conservazione e consumo degli alimenti”. Oltre a raccomandare al personale operante negli esercizi di vendita di “attenersi in modo scrupoloso alle buone pratiche igieniche che devono comprendere anche la gestione delle pulizie, il controllo degli accessi nei supermercati, la distribuzione di prodotti igienizzanti per le mani”, l’Iss ricorda che “anche il consumatore deve seguire una serie di misure che riguardano la sistemazione della spesa, il lavaggio delle mani, la separazione dei prodotti crudi e di quelli cotti nel frigorifero e la disinfezione delle superfici di casa".

I consigli al momento della spesa

Per quanto riguarda il consumatore, fin dal momento della spesa si consiglia l’uso delle mascherine, dei guanti e delle pratiche di disinfezione delle mani. Anche se secondo l’OMS la possibilità di contrarre il COVID-19 tramite gli alimenti o tramite le confezioni alimentari sia altamente improbabile, l’Iss infatti ricorda che “è necessario considerare le criticità poste dalla presenza di soggetti potenzialmente infetti in aree di esposizione/distribuzione degli alimenti” e che studi hanno stabilito che il virus permane su alcune superfici per alcune ore. All’ingresso dell’esercizio commerciale dunque bisogna “utilizzare i gel/spray sanificanti messi a disposizione dagli esercenti per la disinfezione dei manici dei carrelli/cestelli” e inoltre “dopo la sanificazione delle mani è importante non toccarsi bocca, viso, occhi ed evitare di toccare altri oggetti (cellulare, borsa, ecc.)” e infine bisogna “utilizzare sempre i guanti monouso messi a disposizione dagli esercenti” magari mettendoli sopra quelli personali.

Cosa fare con la spesa a casa

Al rientro a casa invece bisogna “avere cura di non poggiare le borse (sacche) utilizzate per il trasporto della spesa, che sono state poggiate nelle aree di imbustamento e per terra, su superfici con cui verranno in contatto alimenti. Lavare periodicamente le borse (sacche) utilizzando acqua e sapone o soluzioni disinfettati a base di cloro” e infine “Prima di riporre la spesa e dopo averla riposta, lavare accuratamente le mani con acqua calda e sapone, per 40-60 secondi”. Per l’Iss non è necessario una disinfezione delle confezioni alimentari ma “è importante invece “Disporre gli alimenti all’interno del frigorifero rispettando il principio di separazione fra i prodotti crudi e i prodotti cotti, che devono essere sempre preservati da eventuali contaminazioni all’interno di recipienti chiusi o mediante idonea copertura”.

La preparazione e il consumo del cibo

Per quanto riguarda il consumo, a puro titolo precauzionale, l’OMS raccomanda di non consumare crudi o poco cotti durante l’epidemia di COVID-19. Prima e dopo la preparazione degli alimenti, bisogna sempre lavare accuratamente le mani ma anche “detergere le superfici della cucina e le altre superfici d’uso con acqua e sapone e, successivamente, igienizzarle, in base al tipo di superficie, con alcool etilico al 75% o con una soluzione a base di ipoclorito di sodio allo 0,1%”. “Per una efficace disinfezione delle superfici, lasciare agire le soluzioni per un minuto. Dopo detersione e disinfezione, risciacquare accuratamente e abbondantemente con acqua tutte le superfici destinate ad entrare in contatto con gli alimenti (es. taglieri, piani di lavoro, utensili) in modo da rimuovere completamente i residui di detergenti/disinfettanti, ed asciugare le superfici”.  Infine “Dopo la cottura degli alimenti, non utilizzare per la loro manipolazione o conservazione utensili e contenitori impiegati per i medesimi alimenti prima della cottura o per altri alimenti crudi. Anche per frutta e verdura destinata ad essere consumata cruda, è importante “risciacquarla ripetutamente sotto acqua corrente” e “laddove disponibili, immergere il prodotto in acqua contenente disinfettanti alimentari a base di cloro”.