Feste di compleanno con decine di invitati ignorando le norme anti covid, cene con assembramenti di ogni tipo e senza nessuna particolare precauzione e persino un karaoke tra amici che ha generato un focolaio di contagio, è quanto avvenuto in provincia di Cosenza come hanno scoperto i sanitari della task force dell’Azienda sanitaria provinciale che cercavano di rintracciare contati di persone risultate positive al coronavirus e poter quindi isolare i focolai. Comportamenti scorretti che hanno portato la provincia a fare i conti con una nuova impennata di casi.

Oltre a momenti di convivialità di vario genere i sanitari si son imbattuti in una vera e propria festa tra giovani con tanto di karaoke fatto con lo scambio continuo del microfono che ha dato vita a un focolaio di contagio covid che per ora ha individuato almeno 11 contagiati. Numeri che potrebbero aumentare ancora visto che tra parenti e amici dei contagiati con contattati diretti il focolaio potrebbe estendersi ancora. Diverse infatti le persone sottoposte già a screening e ancora in attesa dei risultati dei tamponi.

A pesare sui numeri in aumento anche le varianti covid tra cui quella britannica che risulta ora ormai quella prevalente anche in Calabria e che ha una capacità di contagio maggiore. In tutta la Provincia di Cosenza i casi attivi sono ora 4.169 casi di coronavirus. Tra questi 81 son ricoverati in ospedale nel capoluogo; 16 in reparto al presidio di Rossano; 15 al presidio ospedaliero di Acri; 18 al presidio ospedaliero di Cetraro; 12 sono in terapia intensiva. I restanti 4.027 sono in isolamento domiciliare. Solo iri I casi confermati a Cosenza son stati 175, il numero più alto in tutta la regione che conferma il trend in crescita dei giorni scorsi in tutta la provincia