11.296 CONDIVISIONI
Emergenza lavoro
14 Luglio 2022
17:35

“Firmavo una busta paga di 1200 euro ma ne guadagnano 400, la cosa peggiore è che mi sembrava normale”

La redazione di Fanpage.it continua a ricevere segnalazioni e storie legate al mondo del lavoro. Pubblichiamo oggi le storie di due nostre lettrici: “Per mesi ho lavorato fino a 15 ore al giorno in un bar: ancora non sono stata pagata”.
11.296 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Fanpage.it continua a ricevere lettere legate al mondo del lavoro. Pubblichiamo le storie di due nostre lettrici, una donna romena che ci parla delle ultime e traumatiche esperienze nel Nord-Italia e una cinquantenne siciliana che ormai da anni vive in Spagna e che non ha alcuna intenzione di tornare a casa. "Quando vivevo in Sicilia ho vissuto un'incredibile quantità di esperienze lavorative di sfruttamento", racconta.

"Da febbraio ad aprile ho lavorato fino a 15 ore al giorno in un bar: ancora non sono stata pagata"

Originaria della Romania, vivo al Nord, di preciso in provincia di Pordenone. Vorrei raccontare la mia storia di questo anno. Ho iniziato a febbraio a lavorare in un bar dove sono stata fino ad aprile dove lavoravo anche 15 ore al giorno per mancanza del personale. Fino ad oggi non sono stata pagata.

A fine maggio ho iniziato a lavorare in un ristorante con orari pazzeschi, 35 ore lavorate in 5 giorni dove sono stata pagata 235 euro. Adesso sto lavorando in una fabbrica settore plastica, 3 turni, 8 ore al giorno con un caldo di 50 gradi dentro per 1300 euro. Non so come si chiama questo, però io lo chiamo sfruttamento-schiavitù.

Poi, voi titolari delle aziende vi lamentate che non trovate personale ma io dico di mettervi nei panni anche di quelli che stanno lavorando perché siamo umani non macchine. Offrite uno stipendio adeguato per il lavoro che si svolge e anche condizioni umani. Purtroppo si deve lavorare per poter vivere, però mi sa che anche lavorare in queste condizioni non si può più vivere.

"Sfruttata per anni in Sicilia, ora vivo a Barcellona e non la cambierei per niente al mondo"

Ho quasi 50 anni, sono ragioniera, ho cominciato l'università (diritto, ironico no?) però dopo alcune materie ho abbandonato. Sono siciliana e veramente orgogliosa di esserlo, c'è l'ho nel sangue, per questo non ho mai ho chiesto la cittadinanza spagnola (dal 2010 si può scegliere solo una nazionalità).

Quando vivevo in Sicilia ho vissuto un'incredibile quantità di esperienze lavorative di sfruttamento. Da 18 anni vivo a Barcellona e non la cambierei per niente al mondo. Non vi racconto tutti gli episodi ma uno mi ha fatto più male di altri.

Avevo 19 anni, lavoravo per una impresa di costruzioni, scrivendo le gare d'appalto, lasciando mance (chiamiamole così, per diversi impiegati pubblici) facendo la schiava con gli orari, arrivando ad anticipare con i miei soldi (miseri, guadagnavo 400 euro) le gestioni per partecipare alle gare. Un giorno il mio capo mi ha detto che mi voleva assumere con un contratto regolare. Scema, ci ho creduto.

Per un anno io ho guadagnato 400 euro, firmando una busta paga di 1.200, firmando un assegno di 1200 che poi dovevo cambiare in banca e lasciare la differenza a lui. E il peggio è che sempre mi sembrava normale. Tutto mi è sempre sembrato normale.

E ora mi sembra fantastico che la gente, che i giovani si ribellino a quello che non è normale, non è giusto.

Invia la tua segnalazione qui

11.296 CONDIVISIONI
61 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni