774 CONDIVISIONI
Alessandra Matteuzzi uccisa a Bologna, ultime news

Femminicidio Alessandra Matteuzzi, Giovanni Padovani condannato all’ergastolo

È stato condannato all’ergastolo Giovanni Padovani, ex fidanzato di Alessandra Matteuzzi. La donna è stata uccisa sotto casa a Bologna nell’agosto del 2022. L’ex l’ha colpita con un martello e poi a calci e pugni. Per ucciderla, Padovani ha utilizzato anche una panchina.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
774 CONDIVISIONI
Alessandra Matteuzzi
Alessandra Matteuzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Alessandra Matteuzzi uccisa a Bologna, ultime news

Ha collaborato Beppe Facchini

È stato condannato all'ergastolo Giovanni Padovani, ex fidanzato di Alessandra Matteuzzi, la 56enne uccisa a martellate sotto casa a Bologna nell'agosto del 2022 dopo mesi di stalking. L'ex calciatore 27enne ha parlato in aula prima della sentenza, dichiarandosi colpevole del femminicidio e chiedendo ai giudici di emettere una sentenza "senza farsi influenzare dall'opinione pubblica e dal giudizio dei media".

L'aula del tribunale di Bologna durante il processo per Giovanni Padovani, accusato del femminicidio di Alessandra Matteuzzi - foto di Beppe Facchini
L'aula del tribunale di Bologna durante il processo per Giovanni Padovani, accusato del femminicidio di Alessandra Matteuzzi – foto di Beppe Facchini

La sentenza era attesa per le 14 di oggi, lunedì 12 febbraio. A Padovani sono contestate anche le aggravanti della premeditazione, futili motivi, legame affettivo con la vittima e stalking. Dopo le affermazioni in aula dell'ex calciatore, la Corte di assise di Bologna è entrata in camera di consiglio per emettere la sentenza La Procura e le parti civili, nelle repliche, hanno sottolineato la presenza delle aggravanti contestate e la contrarietà alla concessione delle attenuanti.

Immagine

Il legale Antonio Petroncini, che si occupa della parte civile costituita dalla madre e dalla sorella della vittima, ha dichiarato che Matteuzzi aveva accettato di rivedere l'ex per paura. "Padovani – ha dichiarato – aveva già deciso di ucciderla se non si fosse piegata al suo volere. Accettando di stare con lui, si è allungata la vita di un giorno".  Ad assistere alle battute finali del processo c'era anche Stefania Matteuzzi, sorella della vittima. La sera del femminicidio, le due erano al telefono e la sorella ha sentito le urla di terrore della 56enne.

Qualche minuto dopo l'inizio dell'udienza è arrivata anche la mamma di Padovani che ha sempre seguito il dibattimento. Dopo la lettura della sentenza che vede Padovani condannato all'ergastolo, la sorella della vittima è scoppiata in un pianto liberatorio, affiancata dalla madre e dall'avvocato di Parte civile. In aula è arrivato anche il sindaco del comune di Bologna, costituitosi parte civile.

774 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni