594 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Dicembre 2021
08:15

False vaccinazioni a Palermo, fino a 400 euro per una siringa vuota: fermati infermiera e leader no-vax

False vaccinazioni all’hub di Palermo, fermate 3 persone. Tra queste, un’infermiera che avrebbe ricevuto denaro in cambio delle finte inoculazioni e il leader del movimento no-vax locale.
A cura di Gabriella Mazzeo
594 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

C'è anche un'infermiera tra le persone fermate dalla Digos di Palermo su ordine della Procura per le false vaccinazioni anti-Covid all'hub vaccini della Fiera del Mediterraneo. La donna avrebbe versato il contenuto delle siringhe in una garza e per poi fare finta di iniettare la dose di vaccino a cittadini compiacenti. Le accuse per i tre fermati sono di corruzione, falso ideologico in atto pubblico e peculato. Determinanti per le indagini le immagini fornite dalle telecamere nell'hub e le intercettazioni.

I tre accusati avrebbero infatti messo in piedi un vero e proprio piano d'azione: l'infermiera, dietro compenso, avrebbe dovuto fingere di vaccinare gli altri due indagati e i familiari di uno dei due per garantire loro il Green Pass senza aver conseguito nessuna dose di vaccino. La stessa infermiera fermata avrebbe poi effettuato altre otto vaccinazioni fasulle. Tra le persone falsamente vaccinate, anche un'altra infermiera e un membro della polizia in servizio alla Questura di Palermo. In seguito agli accertamenti, i falsi Green Pass sono stati bloccati. Le indagini hanno escluso al momento il coinvolgimento dei medici dell'hub vaccinale e dei suoi responsabili.

Secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, uno dei fermati è leader locale del movimento no-vax, protagonista anche di alcune manifestazioni nazionali. Si tratterebbe di Filippo Accetta, che già durante la pandemia aveva rilasciato diverse interviste ai media locali manifestando il suo disagio in quanto ambulante ormai disoccupato. Negli ultimi tempi era diventato uno dei leader più incalliti del movimento no-vax. Attraverso le dirette Facebook invitava i cittadini "a non mollare". Secondo quanto confermato dalla Digos, l'infermiera che si era prestata alle finte vaccinazioni avrebbe ricevuto fino a 400 euro per ogni falsa inoculazione. Per ottenere ulteriori riscontri, la polizia ha effettuato una serie di perquisizioni sequestrando telefoni e computer. Nei dispositivi elettronici, secondo l'accusa, sarebbe possibile individuare una fitta rete di relazioni che promette ulteriori sviluppi per l'inchiesta.

"Da oltre un mese l'Ufficio del Commissario per l'emergenza di Palermo fornisce collaborazione alla Digos per le indagini sulle finte vaccinazioni. Le modalità con cui l'infermiera ha favorito gli intenti dei no-vax sono incompatibili con l'esercizio della professione sanitaria e indignano se messe davanti alle dimensioni dell'emergenza pandemica che sta paralizzando il mondo – ha dichiarato l'assessore regionale per la Salute, Ruggero Razza -. Auspico un'immediata reazione in sede disciplinare con l'avvio del procedimento di licenziamento. Non sono però meno gravi le condotte di chi ha avuto vantaggio dalle prestazioni rese".

594 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni