3.862 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
22 Aprile 2022
15:17

Esercitazione antincendio a scuola: bimbo ucraino fugge terrorizzato al suono della sirena

A Pineto, in provincia di Teramo, un bimbo ucraino in arrivo da Mariupol è scoppiato in lacrime ed è scappato dall’aula dopo che aveva sentito la sirena in occasione di una esercitazione antincendio. La preside: “Mi riservo di verificare l’accaduto e rinnovo le scuse”.
A cura di Ida Artiaco
3.862 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Quella che doveva essere una normale esercitazione antincendio si è trasformata in un incubo per un bambino ucraino, fuggito nelle scorse settimane da Mariupol, dove viveva insieme alla sua famiglia prima dell'invasione della Russia. È successo mercoledì scorso nel plesso della scuola primaria Calvano dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII a Pineto, in provincia di Teramo: come riporta il quotidiano Il Centro, al suono delle sirene, scattate in occasione delle prove di evacuazione, il bambino terrorizzato è scoppiato in lacrime ed è scappato via dall'aula.

L'episodio ha creato indignazione in genitori e docenti. Al punto che la preside è dovuta intervenire per chiarire quello che è successo. "Mi dispiaccio fortemente per il disagio provato dall’alunno ucraino, ma le prove di evacuazione sono periodicamente svolte nelle scuole a sicurezza del personale e degli alunni. In questo caso, forse, al suono dell’allarme i docenti e collaboratori, come previsto per alunni disabili o con difficoltà, avrebbero dovuto e potuto accudire e rassicurare il piccolo per evitare che potesse collegare quel suono a un evento per lui purtroppo noto. Mi riservo di verificare l’accaduto e rinnovo le scuse della scuola per il disagio arrecato al piccolo ucraino", è stato il commento della dirigente, Sabrina Del Gaone.

L'istituto comprensivo Giovanni XXIII è uno dei tanti che sta ospitando bambini in arrivo dall'Ucraina dopo lo scoppio della guerra lo scorso 24 febbraio. Sul sito ufficiale della scuola ci sono infatti tutte le informazioni per l'accoglienza degli sfollati minorenni. Secondo l'ultima rilevazione del Ministero dell'Istruzione, al momento i bimbi ucraini nelle scuole italiane sono oltre 16mila, a marzo erano 1.300. "Il tasso di crescita – ha detto i ministro Bianchi nei giorni scorsi intervenendo in audizione davanti alla Commissione parlamentare per l'infanzia – si è ridotto rispetto a quello precedente e sostanzialmente sulla base di questo riteniamo che almeno da qui a fine anno scolastico sia il dato di stabilizzazione. Sulla base degli ingressi registrati, oltre 99mila segnalati dal ministero dell'Interno, riteniamo che 36.256 siano minori".

3.862 CONDIVISIONI
2563 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni