1.402 CONDIVISIONI
Covid 19
3 Gennaio 2021
14:51

Durante lockdown incitava a violare divieti: “Uscite di casa, ribellatevi”. Indagata imprenditrice

Annalisa Logozzo, imprenditrice di 40 anni livornese, durante il lockdown ha pubblicato un video in diretta su Facebook nel quale incitava i cittadini a uscire da casa e ribellarsi alle regole imposte contro la diffusione del Covid-19. Ora è indagata e il pm è pronto a chiedere il rinvio a giudizio con le accuse di vilipendio della Repubblica e istigazione alla disobbedienza.
A cura di Stefano Rizzuti
1.402 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È indagata per aver incitato, attraverso un video su Facebook, a uscire di casa andando contro le norme sul Covid previste durante il lockdown in primavera. Annalisa Logozzo è un’imprenditrice livornese di 40 anni, residente a Tirrenia: è titolare di un’azienda agricola. Il 28 marzo 2020 era al volante della sua auto quando, in pieno lockdown, era vietato uscire di casa se non per ragioni di necessità. Attraverso il cellulare ha trasmesso un video in diretta su Facebook. Oltrepassando, secondo la procura di Livorno, i limiti costituzionali sulla libera manifestazione del pensiero.

Nel filmato, poi oscurato su richiesta del giudice, la donna invitava i cittadini a uscire di casa, ribellandosi alle restrizioni del lockdown. L’imprenditrice, inoltre, offendeva lo Stato e le istituzioni e prometteva di segnalare tutti i posti di blocco delle forze dell’ordine trovati per strada in quei giorni. Con la chiusura delle indagini, il pm è pronto a chiedere il rinvio a giudizio per la donna con le accuse di vilipendio della Repubblica e istigazione alla disobbedienza delle leggi e dell’ordine pubblico.

Nel video la donna incitava i cittadini a uscire da casa, dando indicazioni sui controlli. Ora rischia una pena fino a cinque anni di reclusione. “Io vado in giro e invito la gente a uscire perché bisogna ribellarci a questo abuso di potere. Non mi puoi vietare la passeggiata, mi puoi vietare di fare l’aggregazione, mi puoi vietare di fare comunella con gli amici, ma non mi puoi vietare di uscire”, diceva l’imprenditrice nel video. Frasi che hanno poi portato al sequestro del filmato. Il giudice Mario Profeta evidenzia soprattutto come “la condotta di chi inciti a disattendere le prescrizioni dell’autorità pubblica non può essere confinata nell’ambito delle opinioni personali e della libera manifestazione del pensiero. Si tratta di condotte che possono indirettamente agevolare la diffusione del contagio, laddove siano accolte e seguite da persone già contagiate o inconsapevolmente tali e altresì da parte di persone ancora sane, ma suscettibili di esporsi inconsapevolmente al rischio di contagio”.

1.402 CONDIVISIONI
29684 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni