Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi
10 Maggio 2017
15:21

Dal delitto di Sarah Scazzi alla mostra: Sabrina e Cosima Misseri diventano artiste

Condannate all’ergastolo per aver ucciso la nipote e cugina ad Avetrana, le due donne hanno preso parte “con entusiasmo” a un corso di storia dell’arte nel carcere di Taranto.
A cura di Biagio Chiariello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Due mesi fa hanno avuto conferma dalla Cassazione che passeranno il resto della loro vita dietro le sbarre. Ma la vita di Sabrina Misseri e Cosima Serrano, condannate per l’omicidio di Sarah Scazzi, va avanti nella Casa circondariale ‘Carmelo Magli’ di Taranto. Mamma e figlia hanno di recente preso parte con “entusiasmo” ad un corso di storia dell'arte tenutosi all’interno dello stesso carcere pugliese, come riportato dal Corriere della Sera.

Il progetto è nato da un'idea del comandante del reparto di polizia penitenziaria Giovanni Lamarca a cui si sono associati poi il critico d'arte Achille Bonito Oliva e ancora la sociologa Anna Paola Lacatena, l’artista Giulio De Mitri, il critico Roberto Lacarbonara, e l’attore Giovanni Guarino. Così è nata la mostra itinerante "L'altra città", percorso partecipativo e interattivo nella realtà carceraria italiana, che andrà avanti fino al prossimo 15 giugno (info: 340/8227225 o laltracittanoievoi@gmail.com). “L’idea del progetto mi è venuta qualche anno fa. Poi altre persone, come la sociologa Anna Paola Lacatena, l’artista De Mitri, il critico Roberto Lacarbonara, e l’attore Giovanni Guarino, mi hanno aiutato a dare consistenza a un’idea. Ma le vere protagoniste sono state le donne, qui dentro, in grado di raccontare, attraverso un’esperienza di pratica artistica, il loro vissuto detentivo. Emozionandosi e commuovendosi” spiega Lamarca.

E come detto alla mostra hanno collaborato anche le due più note detenute del carcere di Taranto. Secondo i responsabili del progetto, mamma Cosima e la figlia Sabrina hanno partecipato in modo molto attiva: “Sabrina era attentissima, e dopo poche settimane era in grado di riconoscere le differenze stilistiche tra un quadro di Picasso e uno di Max Ernst”, dice De Mitri, artista e docente tarantino, insegnante all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro.

Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
La gelosia di Sabrina, il matrimonio di Cosima: perché la famiglia Misseri ha ucciso Sarah Scazzi
La gelosia di Sabrina, il matrimonio di Cosima: perché la famiglia Misseri ha ucciso Sarah Scazzi
Chi ha ucciso Sarah Scazzi? La vera storia del delitto di Avetrana
Chi ha ucciso Sarah Scazzi? La vera storia del delitto di Avetrana
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni