"Siamo alla vigilia di una strage, non soltanto umana ma anche economica. Incoscienti, fermatevi, state provocando la morte di migliaia di persone e di migliaia di aziende". Non usa giri di parole il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, per commentare quello che sta succedendo nella sua città, ormai da più di due settimane zona rossa Covid insieme ad altri 22 comuni dell'area metropolitana. Nonostante le massime restrizioni anti contagio in vigore, il capoluogo siciliano ha fatto registrare nelle scorse ore una nuova impennata di casi: ieri ne sono stati ben 584, per un totale di 2.738 infezioni diagnosticate nella settimana dal 20 al 26 aprile nella Città Metropolitana. Numeri troppo alti, che rischiano di far rimanere tutta la Sicilia per un'altra settimana ancora in fascia arancione, ma non solo.

Per questo, il primo cittadino ha lanciato un monito a chi non rispetta le regole, ringraziando allo stesso tempo le forze di polizia locali che si stanno impegnando per controllare che tutto sia in ordine. Solo nel corso dell'ultimo fine settimana, si legge in una nota proveniente dalla segreteria del Comando della polizia municipale, "gli agenti del Nucleo controllo attività economiche e produttive hanno posto sotto sequestro quattro locali, due in via Rocco Jemma e due in via Vincenzo Errante, elevando sanzioni per 3.200 euro". Erano aperti al pubblico oltre le ore 18 ed era in corso la somministrazione di bevande alcoliche con consumazione sul posto e servizio assistito all'interno del locale. A farne le spese sono però anche e soprattutto le scuole. Sempre a Palermo ieri sono stati chiusi gli asili nido comunali Girasole e Tornatore, in zona Uditore-Passo di Rigano, in seguito alla segnalazione di positività al Covid-19 di un dipendente in entrambi i casi. Le famiglie sono state avvertite e l’Amministrazione comunale ha chiesto la sanificazione prevista dai  protocolli anti-Covid e ha inoltrato la comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria di Palermo per la valutazione della ripresa dell’attività.

Fino a mercoledì prossimo la città di Palermo resterà in zona rossa insieme ai Comuni di Bagheria, Casteldaccia, Partinico, Giardinello, Borgetto, San Cipirello, Misilmeri, Baucina, Villafrati, Mezzojuso, Carini, Torretta, Cinisi, Termini Imerese, Lascari, Alimena, Giuliana, Santa Cristina Gela, Piana degli Albanesi, Villabate, Monreale e Belmonte Mezzagno. Ma alla luce dei dati odierni comunicati dall'Asp, non è escluso che possa essere ulteriormente prorogata.