1.464 CONDIVISIONI
13 Marzo 2022
10:25

Cosa sappiamo sullo sciopero dei camionisti previsto per il 14 marzo

La Commissione di garanzia ha bocciato lo sciopero dei camionisti previsto per il 14 marzo, ma non è escluso che singole imprese decidano autonomamente di non far uscire i mezzi su strada.
A cura di Natascia Grbic
1.464 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Lo sciopero degli autotrasportatori italiani previsto per domani, lunedì 14 marzo, è stato bocciato dalla Commissione di garanzia. Lo stop è arrivato ieri, per il “mancato rispetto del termine di preavviso di 25 giorni”. Nonostante questo, non è escluso che alcune imprese decidano autonomamente di sospendere il servizio e non far partire i propri camion per la consegna delle merci. Se lo sciopero nazionale previsto per domani è quindi scongiurato, non è escluso che problemi e disagi si verifichino lo stesso per iniziativa di singoli. TrasportoUnito, una delle sigle che nei giorni scorsi ha annunciato il blocco, riferendosi alla Commissione, ha dichiarato che "invece di valutare e intervenire sulla gravità della crisi in atto, ha preferito rispolverare i criteri di una anacronistica rigidità burocratica, in un momento in cui dovrebbe essere superata". Sembrano invece confermate le proteste già annunciate per il 19 marzo, data in cui la maggior parte dei camion che girano sul territorio nazionale potrebbero non uscire su strada.

Confermate le proteste per il 19 marzo

Unatras e Conftrasporto hanno dichiarato di confidare "nel prossimo incontro con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile che si terrà martedì 15 marzo" e stigmatizzano ogni azione di blocco o sciopero che verrà intrapresa prima di quella data. "Tutte le associazioni aderenti ad Unatras, oltre il 90 per cento delle imprese di autotrasporto italiane, valuteranno l’esito dell’incontro e solo allora decideranno se e quali iniziative attuare in aggiunta a quelle già previste per il 19 marzo – spiegano in un comunicato – Stigmatizziamo pertanto qualsiasi iniziativa che dovesse essere messa in atto prima del 15 marzo, senza rispettare e/o in difformità delle modalità comunicate alla Commissione Garanzia Sciopero. Non solo sarebbe in violazione della legge ma potrebbe limitare la libertà di chi ha deciso di svolgere regolarmente la propria attività. Pertanto chi la volesse attuare se ne assumerebbe tutte le responsabilità. Per questo motivo, visti alcuni ambigui segnali che stanno arrivando, ci attiveremo per avviare tutte le azioni precauzionali per garantire la libera circolazione delle merci".

1.464 CONDIVISIONI
Sciopero Ryanair, EasyJet e Volotea 25 giugno, voli cancellati per 24 ore: gli orari garantiti
Sciopero Ryanair, EasyJet e Volotea 25 giugno, voli cancellati per 24 ore: gli orari garantiti
Cosa è successo a Copenaghen, quello che sappiamo sull'attacco al centro commerciale
Cosa è successo a Copenaghen, quello che sappiamo sull'attacco al centro commerciale
Sciopero aerei Ryanair, EasyJet, Volotea oggi 8 giugno: motivi e orari dei voli garantiti
Sciopero aerei Ryanair, EasyJet, Volotea oggi 8 giugno: motivi e orari dei voli garantiti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni