209 CONDIVISIONI
Covid 19
4 Febbraio 2021
10:39

Cosa prevede il nuovo piano vaccinale anti Covid del Governo: si parte con insegnanti e under 55

Con l’approvazione del vaccino di AstraZeneca – riservato agli under 55 – Governo, commissario Arcuri e Regioni hanno ridefinito il piano di vaccinazioni: parallelamente ai soggetti più a rischio (Fase 1) come operatori sanitari, ospiti delle Rsa e anziani, scatterà anche la Fase 3: il siero di Oxford verrà somministrato a insegnanti e personale scolastico, detenuti, ospiti delle comunità e persone con comorbidità moderata più giovani.
A cura di Davide Falcioni
209 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sono 2.233.982 le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino in Italia, mentre quelle che hanno ricevuto anche la seconda sono 867.237. A riferirlo il portale dedicato alla campagna vaccinale della Presidenza del Consiglio, specificando che sono 2.390.985 i vaccini Pfizer e BionTech distribuiti alle regioni Italiane, mentre il siero di AstraZeneca non è ancora stato consegnato al nostro paese e dovrebbe arrivare non prima della prossima settimana. Il suo impiego, che l'AIFA ha indicato per la fascia di età 18-55 anni, è destinato a mutare sensibilmente il piano vaccini anti Covid.

Il nuovo piano vaccinale: Fase 1 e Fase 3 procederanno parallelamente

Le restrizioni all'utilizzo di AstraZeneca per i più anziani, infatti, imporranno di somministrare agli over 55 solo i sieri di Pfizer e Moderna, mentre quello di Oxford sarà riservato alla fascia d'età tra i 18 e i 55 anni. Ciò – secondo quanto stabilito ieri nel vertice tenuto tra Governo, commissario straordinario e Regioni – farà sì che la Fase 1 e la Fase 3 della campagna di vaccinazione procederanno insieme attraverso due percorsi paralleli. La prima, come è noto, è riservata ad operatori sanitari e socio-sanitari, ospiti Rsa e over 80. L'altra, invece, al personale scolastico, lavoratori di servizi essenziali e dei setting a rischio, ospiti di carceri e luoghi di comunità e persone con comorbidità moderata di ogni età. Come spiega Quotidiano Sanità "questa azione parallela di avvio della Fase 3 insieme alla Fase 1 si pone i seguenti obiettivi: con la Fase 1 e Fase 2 si punta ad abbassare la letalità, mentre con la Fase 3 e Fase 4 si mira a limitare la diffusione del virus".

A chi verrà somministrato il vaccino AstraZeneca

Come detto il siero sviluppato dall'Università di Oxford e dalla casa farmaceutica AstraZeneca verrà somministrato da subito nella cosiddetta "Fase 3" e sarà riservato solo ad alcune categorie, per un totale di quasi 3,9 milioni di persone, tutte comunque dell'età massima di 55 anni. Tra questi c'è il personale scolastico e universitario docente e non docente (1.107.174 persone), quindi personale delle forze armate, della polizia, guardia di finanza, guardia costiera e vigili del fuoco (551.566 persone). Ci sono poi detenuti, personale carcerario e agenti di polizia penitenziaria (97.724 persone), luoghi di comunità sia civili che religiosi (circa 200mila persone) e infine coloro che lavorano in altri servizi essenziali per la comunità (2.167.200 persone).

A chi andranno i vaccini Pfizer e Moderna

I sieri sviluppati da Pfizer/BionTech e Moderna sono riservati alle fasi 1 e 2 di vaccinazione. La prima è quella attualmente in corso, seppur con non poche difficoltà, e include operatori sanitari e socio-sanitari, ospiti Rsa e over 80. La Fase due interessa invece una "sacca" di quasi 20 milioni di persone: tra loro ci sono i soggetti estremamente vulnerabili di ogni età (2.083.609), anziani 75-79 anni (2.644.013), anziani 70-74 anni (3.324.360), persone vulnerabili under 70 (5.865.335), anziani 60-69 anni senza rischi specifici (3.776.891), persone 55-59 anni (2.174.519).

Quante dosi di vaccino arriveranno a febbraio e marzo

Durante il vertice tra Governo, Regioni e commissario straordinario è stato anche aggiornato il piano di approvvigionamento dei vaccini. Nel mese di febbraio – salvo imprevisti – dovrebbero arrivare 1,25 milioni di dosi di siero AstraZeneca, 2,27 di Pfizer/BionTech e 520mila di Moderna, per un totale di 4,04 milioni di dosi (il dato cumulativo, considerando anche i mesi di dicembre e gennaio, sarà di 6,43 milioni di dosi). A marzo ci sarò un sensibile incremento: ci si attende infatti l'arrivo di 4,05 milioni di dosi del siero AstraZeneca, 3,5 di quello Pfizer/BionTech e 690mila di Moderna per un totale di 8.240.000 dosi di vaccino. Tali dati sono quelli comunicate dalle tre aziende farmaceutiche che hanno ricevuto il via libera da parte di EMA e AIFA.

Bonaccini: "Dosi per gli 80enni alle Regioni in base al numero di assistiti di quell'età"

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, al termine dell'incontro con i ministri Speranza e Boccia e il commissario Arcuri di ieri pomeriggio, ha dichiarato: "Abbiamo definito con il Governo le modalità della prossima fase, che sarà dedicata alla popolazione over 80. Come tutti sappiamo, gli anziani sono la categoria più colpita dalla pandemia ed è fondamentale metterla in sicurezza il prima possibile. Per questo abbiamo convenuto di assegnare a ogni Regione e Provincia Autonoma un numero di dosi di vaccini pari al numero degli ultraottantenni che vi sono assistiti. Successivamente, si procederà a compensazioni".

209 CONDIVISIONI
29723 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni