È morto il padre di Mattia, il trentottenne definito paziente 1, per essere risultato il primo positivo del focolaio lombardo. Moreno era di Castiglione d'Adda, in provincia di Lodi, uno dei dieci Comuni più colpiti dall'emergenza della zona rossa. Secondo le informazioni apprese, l'uomo è deceduto ieri, venerdì 20 marzo, dopo due settimane di ricovero. Le sue condizioni di salute si sono aggravate dopo aver contratto il coronavirus e aver manifestato i sintomi della malattia. Mattia ha perso il padre proprio in questi giorni, quando finalmente era guarito dalla malattia, pronto a tornare a casa dalla sua famiglia e veder nascere la sua bambina. Le sue dimissioni sono previste a giorni. Prima di perdere drammaticamente suo padre, ha sconfitto il ‘mostro', affrontando un calvario iniziato lo scorso 20 febbraio e durato diverse settimane, ricoverato al Policlinico San Matteo di Pavia. Lo scorso 9 marzo è uscito dal reparto di terapia intensiva ed è trasferito in quello di sub intensiva e successivamente in reparto. Prima di lui è stata dimessa la moglie, incinta all'ottavo mese di gravidanza di una bimba sana, è guarita ed tornata a casa.