6.455 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Marzo 2020
21:52

Mamma in ospedale per tampone: poliziotti fanno da baby-sitter ai figlioletti

La madre dei piccoli si è sentita mala in casa manifestando i possibili sintomi del contagio e i sanitari giunti sul posto hanno dovuto portarla all’ospedale. Surante la sua assenza ad occuparsi dei suoi due figlioletti ci hanno pensato gli agenti di una Volante della questura di Aosta. I poliziotti sono rimasti coi minori per circa tre e ore e mezza.
A cura di Antonio Palma
6.455 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Poliziotti che si trasformano per alcune ore in baby sitter per assistere in casa due bambini con poco più di dieci anni la cui mamma è dovuta correre in ospedale, c'è sono anche questi gesti in una situazione di emergenza sanitaria come quella che sta attraversando l'Italia alle prese con la pandemia di coronavirus. Il caso in Valle D'Aosta  dove la madre dei piccoli si è sentita mala in casa manifestando i possibili sintomi del contagio e i sanitari giunti sul posto hanno dovuto portarla all'ospedale Parini di Aosta per gli esami del caso. Mentre la donna veniva assistita e sottoposta a tampone per accertare la presenza del coronavirus in ospedale, ad occuparsi dei suoi figlioletti ci hanno pensato gli agenti di una Volante della questura di Aosta, anche loro accorsi sul posto.

L'episodio domenica pomeriggio in un alloggio del quartiere Cogne, nella periferia ovest di Aosta. I poliziotti hanno fatto compagnia ai bimbi, un maschio di 10 anni e una femmina di 12, per circa tre e ore e mezza prima che i piccoli venissero affidati ai servizi sociali. In assenza di altri familiari e vista l'impossibilità dei servizi di assistenza ai minori di intervenire perché già occupati in altri interventi, infatti è toccato ai poliziotti far compagnia ai minori. Ovviamente vista la situazione, anche per tutelare i due bambini, durante le ore trascorse nell'alloggio, i poliziotti si sono protetti con guanti e mascherine. La madre, una 42enne, dopo i controlli era stata rimandata a casa in isolamento domiciliare non essendo grave, ma i risultati del tampone, arrivati solo oggi, purtroppo hanno confermato la positività della donna al coronavirus.

6.455 CONDIVISIONI
32436 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni