Liliana Resinovich morta a Trieste
24 Gennaio 2022
19:05

Caso Liliana Resinovich, il giorno della morte potrebbe coincidere con quello della scomparsa

Il giorno della morte di Liliana Resinovich potrebbe coincidere con quello in cui la donna è scomparsa dalla sua casa, il 14 dicembre del 2021.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Liliana Resinovich morta a Trieste

Il giorno della morte di Liliana Resinovich potrebbe coincidere con quello in cui la donna è scomparsa dalla sua casa, il 14 dicembre del 2021. Stando a quanto si apprende, le condizioni in cui è stato rinvenuto il cadavere, il 5 gennaio, sarebbero compatibili con un decesso avvenuto svariati giorni prima. Il corpo della triestina è stato trovato tra la vegetazione del parco dell'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni – non lontano dalla casa che divideva con il marito, Sebastiano Visintin – infilato in due sacchi neri a formarne uno. La testa era avvolta in due sacchetti di plastica trasparenti. Lo stato in cui è stato trovato il cadavere, viste anche le condizioni meteo del periodo invernale e una relativa protezione data dai sacchi neri, potrebbe essere compatibile con una morte avvenuta una ventina di giorni prima. Continuano nel frattempo le indagini condotte dalla Squadra mobile e coordinate dalla Procura, in attesa degli esiti degli esami tossicologici.

La tesi attualmente più accreditata tra gli inquirenti è che la donna si sia allontanata a piedi da sola per poi sparire nei giardini dell'ex ospedale psichiatrico, dove potrebbe essersi tolta la vita. Le telecamere di piazza Gioberti a Trieste hanno ripreso Liliana mentre si allontanava da un negozio di frutta e verdura per poi oltrepassare il terminal degli autobus e incamminarsi verso il boschetto che aveva già frequentato più volte con il marito Visintin. Chi non crede all'idea del suicidio è Claudio Sterpin, l'amico che Resinovich avrebbe dovuto vedere la mattina della scomparsa. "Non credo affatto all'idea del suicidio – ha detto la settimana scorsa l'uomo alla trasmissione Quarto Grado -. La mattina dell'incontro mi ha chiamato ed era serena. Avevamo anche già deciso tutto: giovedì avrebbe dovuto parlare col marito e sabato avremmo dovuto andare via insieme. Qualcuno glielo ha impedito".

59 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni