448 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
16 Marzo 2022
23:10

Bombardamenti su un teatro a Mariupol: era rifugio per civili. Accuse reciproche Russia – Ucraina

Secondo il consiglio comunale di Mariupol, ci sarebbero diversi civili sotto le macerie. La Russia nega di aver sferrato l’attacco, accusando l’Ucraina.
A cura di Natascia Grbic
448 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il teatro di Mariupol è stato oggi completamente distrutto da una bomba. Secondo quanto riportato dalle autorità cittadine, all'interno dell'edificio c'erano circa un migliaia di civili, che ora si trovano sotto le macerie. Al momento non è noto né il numero delle persone ferite, né di quelle decedute. Il consiglio comunale di Mariupol ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che le "forze russe hanno distrutto deliberatamente e cinicamente il teatro". "Un aereo ha lanciato una bomba su un edificio dove si nascondevano centinaia di abitanti pacifici". La nota continua spiegando che la portata dell'attacco non è ancora chiara dato che la città ha continuato a essere bombardata. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato che i russi non potevano non sapere che all'interno del teatro di Mariupol vi erano dei civili. Una fotografia satellitare pubblicata oggi da Maxar Technologies e risalente al 14 marzo, mostra la parola ‘bambini‘ scritta in russo fuori il teatro, in modo da avvertire i soldati che all'interno vi erano minori.

Il ministero della Difesa russo nega gli attacchi ai civili

Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha smentito sia l'attacco al teatro di Mariupol, sia l'assassinio di dieci civili in fila per acquistare il pane a Chernihiv. Secondo quanto riportato da Konashenkov, quelle apparse sulla stampa ucraina sarebbero ‘notizie false non verificate'. "Tutte le unità sono fuori dai confini della città di Chernihiv, bloccano le strade e non stanno conducendo alcuna azione offensiva", ha dichiarato il portavoce, che ha negato anche l'attacco al teatro.

Biden: "Putin è un criminale di guerra"

In seguito agli attacchi sulla popolazione civile ucraina, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito Vladimir Putin un ‘criminale di guerra'. È la prima volta dall'inizio dall'inizio del conflitto che la massima autorità statunitense ha usato questi termini per definire il presidente russo. Un portavoce del Cremlino ha dichiarato che le parole di Biden sono ‘inaccettabili', e le ha definite ‘retorica imperdonabile'.

448 CONDIVISIONI
2586 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni