20.388 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Marzo 2020
20:11

Beatrice, 1 mese, torna a casa dopo il Coronavirus. La mamma: “Ho perso il nonno, lei dona speranza”

Beatrice Aurora, neonata di poco più di un mese, è tornata a casa dopo essere rimasta 20 giorni in ospedale, lontana da mamma Marta e papà Marco, in quanto positiva al Coronavirus. “La sua storia ci infonde speranza – dice mamma Marta a Fanpage.it – è nata l’11 febbraio, giorno della Beata Vergine di Lourdes, vogliamo sperare sia un segno”. La famiglia di Beatrice vive a Fiorano al Serio, in quella Val Seriana sconvolta dal virus: “Ho perso uno zio e il nonno, ma almeno sappiamo dove sono i corpi dei nostri cari, c’è gente che non lo sa”.
A cura di Francesco Loiacono
20.388 CONDIVISIONI
Marco e Marta con la loro piccola Beatrice Aurora
Marco e Marta con la loro piccola Beatrice Aurora
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Si chiama Beatrice Aurora "perché è nata l'11 febbraio, giorno della Beata Vergine di Lourdes, un segnale". Fin dalla sua nascita la vita di questa piccola bimba residente con la famiglia a Fiorano al Serio, nel cuore di quella Val Seriana sconvolta dal Coronavirus, non è stata facile: prima un parto cesareo a causa di un'improvvisa emorragia, poi la comparsa dei primi sintomi del Coronavirus e un lungo ricovero all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, lontana da mamma Marta, papà Marco e dai fratellini Ilaria, Chiara e Gabriele, di 11, 10 e 7 anni. Adesso però Beatrice Aurora, tornata a casa dopo 20 giorni, è il raggio di sole che illumina una terra attraversata da troppi lutti.

La mamma di Beatrice: Ho perso il nonno e uno zio, ma almeno so dove sono i corpi

Anche la famiglia di Marco Albergati e Marta Zaninoni ha pagato un prezzo altissimo alla pandemia in corso: "Ho perso mio zio, il fratello di mio papà, e poi mio nonno – racconta a Fanpage.it la 39enne Marta dopo aver dato da mangiare alla piccola Beatrice -. Si chiamavano Aurelio Zaninoni e Antonio Bernini, avevano 73 e 88 anni. Antonio era l'unico bisnonno rimasto a Beatrice e ai suoi fratellini, ma per via dei ricoveri prima e della sua malattia poi non è riuscito a vederla". Un dettaglio nel racconto di Marta restituisce la gravità della situazione vissuta nella Bergamasca: "Abbiamo almeno la fortuna di sapere dove sono i corpi dei nostri cari, che in quelle bare ci sono loro. Purtroppo invece c'è gente che non trova i defunti, perché sono talmente tanti che non si riescono a recuperare".

Il ringraziamento a chi sta lavorando negli ospedali

Marta, anche grazie all'arrivo di Beatrice, vuole però dare un messaggio di speranza a tutta la sua terra: "Ce la facciamo, grazie anche a chi sta lavorando negli ospedali". Lei non ha nulla da ridire su come è stata trattata all'ospedale Papa Giovanni XXIII, una delle strutture maggiormente sotto pressione a causa dei ricoveri di persone con Covid-19: "Sono stati super organizzati, non nego di aver pianto perché sono stata costretta a rimanere 20 giorni senza Beatrice e mi hanno detto che non avrei potuto allattarla né portarle il latte, ma ho capito che lo facevano per il bene della bambina, nostro e anche per tutelare loro stessi". Unica ombra nella loro storia il fatto che, nonostante anche Marta e il marito Marco abbiano accusato i sintomi da Covid-19, nessuno ha fatto loro il tampone: "Nonostante la febbre nessuno ci ha fatto il tampone, siamo stati isolati in casa e abbiamo mantenuto le distanze con i nostri figli con comprensibili difficoltà".

I fratellini attendono con ansia di poter abbracciare la piccola Beatrice

Beatrice è tornata a casa lo scorso 23 marzo, ma ancora i fratellini non l'hanno potuta abbracciare. "Stiamo aspettando il risultato del tampone che dovrà confermare la negatività al Covid-19 per vedere se riusciamo a togliere le mascherine. La tensione fin quando non ci dicono il risultato è tanta, ma speriamo che presto gli altri fratelli possano abbracciare la sorellina, come desiderano da ormai oltre un mese".

20.388 CONDIVISIONI
31297 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni