2.275 CONDIVISIONI
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi
25 Agosto 2020
10:46

Avetrana, zio Michele Misseri potrebbe uscire dal carcere, la figlia: “Bella giustizia”

“Mia madre e mia sorella in carcere e mio padre Michele forse fuori a settembre. Bella giustizia”. Alla vigilia del decimo anniversario del delitto di Avetrana, Valentina Misseri, sorella e figlia di Sabrina Misseri e Cosima Serrano, entrambe all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi, dice la sua. “Sono state condannate perché stavano antipatiche a tutti, ma l’unico colpevole è mio padre”. Da settembre Misseri può chiedere pene alternative.
A cura di Angela Marino
2.275 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Alla vigilia del decimo anniversario dell'omicidio Sarah Scazzi, Valentina Misseri sbotta contro la giustizia che ha incarcerato sua madre Cosima e sua sorella Sabrina, ma potrebbe presto destinare a pene alternative al carcere suo padre Michele Misseri.  "Bella giustizia! – dice Valentina al Fatto Quotidiano – Non solo per mia madre e Sabrina che sono innocenti, ma soprattutto per Sarah. Solo la gente è stata soddisfatta, ha avuto i suoi colpevoli". A settembre, infatti, Michele Misseri potrà fare richiesta di pene alternative per la sua condanna per occultamento di cadavere. Misseri è imputato anche nel troncone bis del processo per l'omicidio Sarah Scazzi con l'accusa di falsa testimonianza.

"Ogni giorno – continua Valentina – penso a mia madre e mia sorella in carcere e alle loro giornate infinite. Con questa storia, oltre a essere stata spezzata una vita, sono state distrutte tante famiglie. Fu indagata mezza Avetrana, ma il solo colpevole è mio padre", dichiara la sorella di Sabrina che da anni vive a Roma.  "Anche rileggendo le carte processuali – continua –  davvero non si riesce a capire come mia madre e mia sorella possano essere coinvolte nell'omicidio di Sarah. La verità è che stavano antipatiche a tutti. A tutta Italia. L'opinione pubblica ha pesato sulla sentenza". Sulla possibile dinamica dell'omicidio Valentina azzarda delle ricostruzioni personali. "Dai verbali ho letto una dichiarazione di mio padre che dice: ‘Non l'avevo mai vista con i pantaloncini così corti e il seno le stava sbocciando'. Una cosa che uno zio non dovrebbe neanche pensare di sua nipote. Credo che quel pomeriggio – conclude Misseri – Sarah fosse scesa in garage per non suonare, perché sapeva che mamma a quell'ora dormiva, e che lui ci abbia provato. Lei lo ha respinto con un calcio e papà non ci ha visto più e l'ha uccisa".

Cosima Serrano e Sabrina Misseri sono state giudicate in tutti i gradi di giudizio e da tempo trascorrono la loro vita in carcere. "Oggi lavorano, cuciono mascherine e stanno meglio"- racconta Valentina. Sarah Scazzi è stata uccisa a 15 anni, mediante strangolamento, il 26 agosto 2010, nella casa degli zii Michele e Cosima ad Avetrana, dove aveva appuntamento con la cugina Sarbrina per andare al mare insieme.

2.275 CONDIVISIONI
Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri: "Socialmente pericolosa"
Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri: "Socialmente pericolosa"
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni