0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio Altavilla Milicia a Palermo

Altavilla Milicia, i fratellini Kevin ed Emanuel finalmente sepolti: trovate le tombe

L’amministrazione comunale di Altavilla Milicia ha comunicato di aver finalmente trovato le tombe per poter seppellire le bare dei due minori di 16 e 5 anni uccisi barbaramente in casa durante quello che doveva essere un rito di esorcismo.
A cura di Antonio Palma
0 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

A quasi due mesi dalla strage di Altavilla Milicia saranno finalmente sepolti Kevin e Emanuel Barreca i due fratellini uccisi a febbraio nella loro villetta insieme alla madre Antonella Salamone. L'amministrazione comunale della cittadina in provincia di Palermo infatti ha comunicato di aver finalmente trovato le tombe per poter seppellire le bare dei due minori di 16 e 5 anni uccisi barbaramente in casa durante quello che doveva essere un rito di esorcismo.

Dopo la benedizione delle salme in camera ardente e il cordoglio pubblico, le bare dei due piccoli erano rimaste in deposito, nella camera mortuaria del cimitero di Altavilla, insieme ad altre salme, a causa della mancanza cronica di loculi per la sepoltura dei defunti. La notizia era emersa la scorsa settimana quando un appuntato dei carabinieri in pensione era andato al cimitero per un lutto in famiglia.

Immagine

L'uomo aveva scoperto che nella stessa camera mortuaria vi erano ancora le bare dei due piccoli, trovati nella villetta di famiglia alla periferia del paese palermitano lo scorso 11 febbraio quando il padre Giovanni Barreca confessò l'omicidio, raccontando di aver fatto un rito di liberazione dal diavolo con la coppia di amici composta da Sabrina Fina e Massimo Carandente e alla presenza della figlia 17enne, ora tutti in carcere.

L’amministrazione guidata da Pino Virga aveva comunicato che erano in allestimento 20 loculi e stavano facendo una ricognizione per eseguire alcune estumulazioni. Ora l'annuncio che si è riusciti a trovare nuovi posti per tutte e sei le salme che si trovavano in deposito e domani 28 marzo anche i due fratelli troveranno riposo nelle loro tombe.

Per la sepoltura della madre invece ci vorrà ancora del tempo. I resti della donna, bruciata e seppellita in giardino dopo il delitto, sono ancora all'istituto di Medicina Legale dell'ospedale Policlinico per gli esami.

0 CONDIVISIONI
85 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views