Per la prima volta un’università italiana figura tra le prime 100 della classifica stilata dal Times. La Normale di Pisa infatti si posiziona al 63esimo posto del World university ranking 2014, giunto all’undicesima edizione. La classifica, che stabilisce le migliori 400 università al mondo, prende in considerazione tredici indicatori, riuniti in cinque gruppi: didattica, ricerca, citazioni, rapporto con le industrie e outlook internazionale. Per trovare in classifica un’altra università italiana bisogna andare oltre il 200esimo posto. Dalla posizione 200 a 300 infatti troviamo Trieste, Milano Bicocca, Pavia, il Salento, Trento, Torino e  Bologna. Oltre la posizione 300 invece troviamo Milano Statale, Padova, Pisa, Milano Politecnico, La Sapienza di Roma, Bari, Ferrara, Firenze e Roma.

Al primo posto il California Institute of Technology.

Al primo posto della classifica troviamo per il quarto anno consecutivo il California Institute of Technology. Tra le prime dieci ci sono Caltech, Harvard, Oxford, Stanford, Cambridge, Mit, Princeton, e a pari merito Imperial College di Londra e Yale e Chicago. Altro dato importante emerso dalla classifica è che anche quest’anno aumenta il numero di università asiatiche nelle prime 200 posizioni. In Europa, invece, è la Germania ad ottenere il risultato più sorprendente, sono infatti ben dodici le università tedesche posizionate tra le migliori duecento. Scendono invece gli Stati Uniti, che piazzano tra le migliori 200 università, 74 atenei contro i 77 dell’anno scorso. Stessa sorte anche per la Gran Bretagna, con ben cinque università che non sono tra le migliori 400, e altre che si sono posizionate a differenza dello scorso anno oltre il 200esimo posto.