Una dottoressa è stata trovata sgozzata davanti all'ospedale di Sant'Omero (Teramo). La vittima si chiamava Ester Pasqualoni, nata a Roseto degli Abruzzi, aveva 53 anni ed era un'oncologa. I fatti sono avvenuti poco dopo le 16 nel parcheggio del nosocomio abruzzese. La vittima aveva concluso il suo turno di lavoro e stava raggiungendo la sua vettura quando è stata aggredita.

Secondo le prime informazioni, l’omicidio potrebbe essere stato commesso da uno stalker, dinanzi all'ennesimo rifiuto da parte della donna che di recente aveva presentato due denunce nei confronti di un uomo. La vittima sarebbe morta in pochi istanti. Non appena un altro dipendente dell’ospedale ha visto il corpo della donna riverso in una pozza di sangue vicino alla sua automobile, un medico del pronto soccorso ha raggiunto immediatamente Ester Pasqualoni, ma era già troppo tardi.

Alcuni testimoni avrebbero visto poco prima aggirarsi nel parcheggio una Peugeot 205 di colore bianco. I carabinieri di Alba Adriatica sono sul posto e sta lavorando sul fatto di sangue. Il presunto killer potrebbe essere un uomo italiano di Villa Rosa di Martinsicuro. "Abbiamo idea di chi possa essere l'omicida e lo stiamo cercando" ha riferito un investigatore, "si tratta molto probabilmente di una persona che dava fastidio alla vittima".  Determinante sarebbe stato un post di sfogo scritto su Facebook da un'amica della vittima: "Quante volte sedute a ragionare di quell'uomo… quel maledetto che ti perseguitava… e non sono riuscita a risolverti questa cosa…..e me lo porterò dentro tutta la vita…..ti voglio bene….. DONNA E AMICA SPECIALE…… Ti voglio bene…..".

La vittima aveva due figli ed era molto conosciuta nel territorio teramano. Su Internet si trovano encomi per il suo lavoro. "Il valore aggiunto del reparto è la responsabile Dottoressa Ester Pasqualoni, – si legge in una lettera aperta pubblicata su una testata locale ‘I due punti' a novembre del 2014 – competente e preparata professionalmente, sempre al passo con i tempi nelle cure innovative e svolge il proprio lavoro con abnegazione e devozione, il tutto costellato da tanta umiltà. Inoltre la D.ssa Pasqualoni si spende costantemente nell’attuare una corretta sinergia fra i vari reparti, il laboratorio analisi, la radiologia ed altri settori presenti all’interno della struttura sanitaria".