Una ricerca condotta dal Congresso nazionale della Società Italiana di Urologia (Siu) e dell'Associazione Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi) dimostrerebbe come gli italiani abbiano di media 9 rapporti sesuali al mese e la durata non supererebbe i due minuti. I dati saranno presentati il prossimo 8 ottobre nell'ambito di una conferenza.

Sebbene si tratti di un dato più alto della media mondiali, c'è da dire che gli italiani sono tra i più insoddisfatti, e per 4 milioni, ovvero una coppia su quattro, il rapporto non supererebbe i due minuti.

LA RICERCA La ricerca è stata condotta dalla DoxaPharma su un campione di 3000 uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 55 anni, ha rivelato anche che il 70% degli italiani si sente insoddisfatto nonostante i 108 rapporti l'anno dichiarati, e 800mila coppie sono a rischio d'infedeltà e rottura proprio per i problemi a letto. "L'eiaculazione precoce è il disturbo sessuale maschile più comune e comporta molta frustrazione in entrambi i partner – spiega Vincenzo Mirone, segretario generale Siu -. Lui diventa insicuro e perde l'autostima, lei reagisce con rabbia e aggressività. Tutto ciò crea tensioni che possono portare alla crisi della coppia".