Ammonta a oltre 1,2 milione di euro il totale dei premi non riscossi della Lotteria Italia nell’ultima edizione. E se si guarda al dato relativo agli ultimi 15 anni (dal 2002 ad oggi) viene fuori una cifra astronomica: 27 milioni di euro, una vera e propria fortuna dimenticata dagli italiani nelle casse dello Stato. I numeri sono riferiti da AgiMeg. Nel dettaglio non sono stati incassati 10 premi di seconda categoria per un totale di 500mila euro, 29 premi di terza categoria per un totale di 725mila euro e 81 premi rivenditore per ulteriori 24.500 euro. Oramai non c’è più tempo per riscuoterli: il termine ultimo è scaduto alla mezzanotte del 10 luglio scorso.

Non è, comunque, la prima  volta che accade: la storia della Lotteria Italia è piena di ‘smemorati’ mancati milionari. Nell’edizione dello scorso anno, riferisce Agipronews, fu piuttosto clamoroso il black out: non fu reclamato uno dei premi di prima categoria (2 milioni di euro vinti a San Nicola La Strada), che solitamente trova sempre un proprietario. E per quell'edizione furono lasciati per strada oltre 2,9 milioni di euro. Tre anni fa, il totale dei premi lasciati all’erario fu di 1,7 milioni di euro, tra cui il quarto premio da 1 milione vinto a L’Aquila, a cui si aggiunsero 6 premi da 60mila euro e 19 premi da 20mila euro. Se andiamo indietro nel tempo, l’edizione 2008-2009 è quella di un primato che ha del clamoroso: un giocatore di Roma si dimenticò di riscuotere addirittura il primo premio da 5 milioni di euro, poi rimesso in palio l'anno successivo. Nel 2003 i premi non riscossi ammontarono a quasi 4 milioni di euro. “Per legge – ricorda sempre Agimeg – i premi non ritirati entro i 180 giorni dalla data di pubblicazione dei biglietti vincenti in Gazzetta Ufficiale vengono incamerati dallo Stato”.