Vi è mai capitato di lasciare del cibo sul tavolo della cucina e poi scoprire successivamente che qualcuno se lo è mangiato al posto vostro? Ecco, non è una bella sensazione, lo sappiamo. Sicuramente così è stato anche per Phyllis Jefferson che è arrivata a pugnalare il suo fidanzato che si è mangiato tutta la sua insalata di pomodori. La 50enne dell’Ohio si è poi dichiarata colpevole di aggressione aggravata. L ‘accesa disputa è avvenuta nell’appartamento del suo fidanzato, il 62 enne Ronnie Buckner, a marzo.

L’uomo sostiene che la donna lo abbia pugnalato all'inguine con una penna, dopo averlo accusato di aver consumato tutta la sua insalata, secondo il rapporto della polizia. Successivamente lo avrebbe colpito con un piccolo coltello da cucina allo stomaco. Buckner era fuggito all’esterno del condominio e grondava sangue quando la polizia è arrivata. La Jefferson è fuggita ma la polizia l’ha rintracciata rapidamente. Quando è stata interrogata, ha affermato di aver pugnalato il compagno "perché non ce la facevo più a vivere con lui e volevo andarmene”. Successivamente l'avvocato della donna ha detto che la sua cliente voleva lasciarlo “perché è un molestatore sessuale”, secondo Cleveland.com. Buckner è stato condannato a 18 mesi per reati sessuali nel 1979.