Tragedia nelle scorse ore nelle acque del Canada dove un battello carico di turisti si è improvvisamente inabissato in mare provocando la morte di almeno cinque persone. L'imbarcazione, chiamata «Leviathan II», veniva usata per trasportare turisti al largo e permettere loro l'osservazione della balene nell'oceano. Anche questa volta il battello si era diretto al largo dell’isola di Vancouver, nei pressi di Tofino, nella provincia della Columbia Britannica, ma per cause ancora da accertare ha iniziato ad avere problemi. La nave, lunga 20 metri e con tre ponti da crociera, ha lanciato il primo messaggio di aiuto alle 16 ora locale (l’una di notte in Italia). Subito si è messa in moto la macchia dei soccorsi, ma purtroppo quando le unità navali della guardia costiera canadese sono arrivate su luogo segnalato il battello era già capovolto e quasi completamente affondato.

Come hanno riferito le autorità locali, delle 27 persone che si trovavano a bordo dell’imbarcazione 21 sono state tratte in salvo dai soccorritori mentre altre 5 sono morte. Al momento quindi una persona risulta dispersa. Dei naufraghi salvati, 18 sono stati trasportati a terra e ricoverati all’ospedale Tofino General Hospital, mentre i soccorritori hanno proseguito per ore le ricerche dei dispersi anche in piena notte. Sul fatto indagano ora le autorità locali per accertare le cause del naufragio. Il MV Leviathan II della società Jamiès Whaling Station era in uno degli ultimi suoi viaggi della stagione che si conclude il 31 ottobre.