US Open
31 Agosto 2021
15:14

Le pause in bagno di Tsitsipas diventano un caso: “Bezos ci mette meno a volare nello spazio”

I toilet-break prolungati e i momenti nevralgici dei match da parte di Tsitsipas hanno fatto arrabbiare anche Andy Murray. Il britannico non ha gradito la sospensione per quasi 10′ concessa al greco e lo ha attaccato, con un tweet ironico. Sotto accusa anche il regolamento che non prevede una tempistica chiara.
A cura di Marco Beltrami
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
US Open

Una battaglia prima in campo e poi fuori. Gli US Open, ultimo Slam stagionale, sono iniziati con il botto a giudicare da quanto accaduto nel match tra il numero 3 del mondo Tsitsipas ed Andy Murray, il classe 1987 che ha vinto questo torneo nel 2012. Alla fine a spuntarla dopo 5 ore è stato il greco, ma il britannico protagonista di una carriera eccezionale, gli ha dato filo da torcere. A far discutere però ancora una volta sono stati i "toilet break" di Tsitsipas, ovvero le pause per andare in bagno: Murray, come nel recente passato Zverev, ha puntato il dito contro quello che ha considerato come uno stratagemma sospensioni "strategiche". Parole forti nel post-match e un tweet al vetriolo per una polemica a distanza che sembra solo all'inizio.

Tsitsipas e i toilet-break galeotti contro Murray agli US Open

Anche in occasione del match contro Murray, Stefanos Tsitsipas ha fatto ricorso ad un "toilet break". Il greco ha ricevuto così l'ok ad allontanarsi dal campo nel corso della partita per recarsi in bagno. Una pausa "sospetta" durata quasi 10 minuti in un momento nevralgico, ovvero dopo la vittoria del terzo set da parte dell'avversario. Quest'ultimo si è lamentato con il giudice di sedia chiedendo spiegazioni: "Ma quanto tempo ci mette, io faccio tutto in meno di 5 minuti". Una situazione che fa il paio con quanto visto a Cincinnati, nella finale contro Zverev.

Il precedente con Zverev e lo sfogo del tedesco

Nell'ultimo atto del Masters di pochi giorni fa, il copione si era ripetuto e Zverev in maniera plateale si era sfogato con l'arbitro: "Ha preso la borsa con il telefono e tutto quello che c'era dentro. È in bagno, nessuno lo accompagnerà fino in bagno. Era la stessa cosa a Parigi e sarà la stessa cosa anche in futuro. Ogni altro torneo a cui sta giocando". Il riferimento evidente è alla possibilità che Tsitsipas approfitti delle pause per il bagno, per comunicare via telefono con il padre, e infatti in un'immagine curiosa si nota proprio il genitore del greco sugli spalti impegnato a scrivere sul cellulare, mentre Zverev si lamentava.

Cosa dice il regolamento sul toilet-break nel tennis

Il regolamento relativo ai toilet-break parla chiaro. La possibilità per i giocatori di andare in bagno, concessa di solito a fine set (sono due in occasione dei tornei dello Slam come gli US Open), permette agli stessi di recarsi scortati dagli addetti ai lavori negli spogliatoi e poi da soli in bagno, muniti di borsoni. Quanto può durare? Il regolamento parla di "tempo ragionevole" (dipende anche dalla collocazione dei bagni rispetto al campo di gioco) e quindi non definisce bene un tempo massimo, prestandosi a situazioni come quelle di Tsitsipas, rimasto nella toilette per più di 10 minuti.

La rabbia di Murray e il tweet contro Tsitsipas

Un tempo effettivamente troppo lungo e giustificato dal diretto interessato con la necessità di cambiare completo a causa del sudore. Murray a tal proposito nel post-partita, pur non considerando l'atteggiamento del greco un alibi per la sconfitta si è infuriato: "Tsitsipas è un grande giocatore, ma ho perso il rispetto per lui dopo quello che ho visto oggi. Il problema non è tanto lasciare il campo ma farlo per tutto quel tempo. se in una partita così combattuta ti fermi per 7-8 minuti, è devastante. C'eravamo preparati a queste situazioni, ma poi quando succede non sei mai pronto. Ci si raffredda e si perde l'adrenalina".

E sui social poi è arrivata un'ulteriore dichiarazione al vetriolo, che ha alimentato ulteriormente il dibattito sulle pause di Tsitispas infiammando la polemica: "Notizia del giorno. Stefanos Tsitipas impiega il doppio del tempo per andare in bagno rispetto a Jeff Bazos per volare nello spazio. Interessante". E la sensazione è che il "meglio" debba ancora venire.

45 contenuti su questa storia
La finale degli US Open poteva costare la vita al papà di Medvedev: "Ho contato fino a 600"
La finale degli US Open poteva costare la vita al papà di Medvedev: "Ho contato fino a 600"
Il crollo emotivo di Djokovic, sopraffatto in campo e dopo: "Non so quando giocherò di nuovo"
Il crollo emotivo di Djokovic, sopraffatto in campo e dopo: "Non so quando giocherò di nuovo"
Djokovic in lacrime ringrazia i tifosi dopo il ko agli US Open: "Mi avete fatto sentire speciale"
Djokovic in lacrime ringrazia i tifosi dopo il ko agli US Open: "Mi avete fatto sentire speciale"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni