305 CONDIVISIONI
US Open 2022
3 Settembre 2022
8:37

Le lacrime di Serena Williams dopo il ritiro, è pronta per una nuova vita: “Sono super giovane”

Serena Williams dopo la sconfitta contro la Tomljanovic si è congedata dagli US Open e anche dal tennis. Emozione e commozione nelle interviste post-match.
A cura di Marco Beltrami
305 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
US Open 2022

Ha lottato come una leonessa fino all'ultimo punto, ma alla fine ha dovuto arrendersi ad una brillante Ajla Tomljanovic che si è imposta 7-5 6-7 6-1, guadagnando gli ottavi di finale degli US Open. Serena Williams ha disputato quella che sembra destinata ad essere l'ultima partita della sua eccezionale carriera. Difficile chiedere di più ad una campionessa che ha scritto pagine memorabili di storia del tennis e che a pochi giorni dal 41° compleanno, si è tolta anche la soddisfazione di battere nel turno precedente la numero 2 al mondo Kontaveit. Tutti in piedi dunque per Serena, sia sugli spalti dell'Arthur Ashe Stadium, che davanti alla TV, per dedicarle un meritato tributo.

23 titoli del Grande Slam in singolare, 39 complessivamente considerando anche quelli in doppio, 4 medaglie olimpiche, 319 settimane da numero uno al mondo di cui 186 consecutive, il record di 11 titoli vinti in una stagione, quello di essere la donna più anziana ad aver vinto uno Slam (35 anni e 4 mesi), e quello di aver vinto uno Slam in tre differenti decenni. Forse basta questa carrellata di dati, per capire la grandezza di un'atleta come Serena Williams. Prima di presentarsi senza particolari aspettative agli US Open, "The Queen", aveva dichiarato che questo sarebbe stato il suo ultimo torneo.

Un ritiro scongiurato nei primi due turni a suon di vittorie, ma che ora si è concretizzato dopo il ko con la giocatrice australiana. Quando sul match è calato il sipario, è stata la sconfitta a conquistare la scena in un momento molto emozionante. Difficile trattenere le lacrime in primis per Serena, che prima della classica intervista in campo, è scoppiata a piangere. Travolta dall'affetto dei presenti, la leggenda del tennis, ha provato comunque a salutare tutti: "Oh mio Dio, grazie mille, siete stati fantastici oggi. Ci ho provato, ma Ajla ha giocato un po' meglio". Toccanti poi le parole per il suo angolo e in particolare la famiglia che l'ha sempre sostenuta: "Grazie papà, so che stai guardando. Grazie mamma. Voglio solo ringraziare tutti quelli che sono qui, che sono stati dalla mia parte, così tanti anni, decenni. Ma tutto è iniziato con i miei genitori e si meritano tutto, quindi sono davvero grato per loro".

Quando poi i suoi occhi hanno incrociato quelli della sorella Venus, l'emozione è diventata travolgente. A lei Serena ha riservato una dedica speciale: "Queste sono lacrime felici, immagino. Non sarei Serena se non ci fosse stata Venus, quindi grazie Venus. È l'unica ragione per cui Serena Williams è mai esistita. È stato un viaggio divertente, è stato il viaggio più incredibile che abbia mai fatto. E sono così grato a ogni singola persona che abbia mai detto "vai Serena" nella vita. Sono solo così grato perché mi ha portato qui". 

Se in campo ha poi lasciato un piccolo spiraglio per le speranze di un dietrofront sulla decisione di ritirarsi ("Non credo, ma non si sa mai"), quando Serena Williams si è spostata in sala stampa, i suoi piani futuri sono stati confermati. Smaltita un po' l'emozione dei minuti precedenti, la Williams ha scherzato sui prossimi programmi: "Penso che sicuramente, probabilmente, andrò al karaoke domani". Tornando seria poi la campionessa ha parlato della sua voglia di iniziare a vivere mettendo da parte lo sport: "Sono pronta per essere una mamma ed esplorare una versione diversa di Serena. E tecnicamente nel mondo sono ancora super giovane, quindi voglio avere un po' di vita mentre sto ancora camminando". Il suo nome comunque resterà impresso per sempre nella storia del tennis, e dello sport. E nel frattempo, tutto il mondo dello sport e non la celebra, come è giusto che sia.

305 CONDIVISIONI
84 contenuti su questa storia
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Alcaraz-Ruud: nella finale degli US Open c'è in palio il numero 1 ATP, in ogni caso sarà storico
Alcaraz-Ruud: nella finale degli US Open c'è in palio il numero 1 ATP, in ogni caso sarà storico
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni